Espandi menu
cerca
Meshes of the Afternoon

Regia di Maya Deren vedi scheda film

Recensioni

L'autore

carlos brigante

carlos brigante

Iscritto dal 3 maggio 2006 Vai al suo profilo
  • Seguaci 75
  • Post 7
  • Recensioni 650
  • Playlist 22
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Meshes of the Afternoon

di carlos brigante
10 stelle

"Meshes of the Afternoon" è la prima opera della madre dell'Avanguardia americana, Maya Deren, che le valse un riconoscimento al Festival di Cannes.
E' un'opera che è debitrice dello psicodramma degli anni '20, in cui le contaminazioni surrealiste ed espressioniste sono evidenti. Il piano della narrazione segue, perciò, una via che si distacca dal "semplice" meccanismo di causa/effetto per abbracciare la casualità tipica del linguaggio del sogno.
Sostenuta da una colonna sonora (di Teiji Itõ) aggiunta in un secondo momento, Maya Deren conferisce alla propria opera un'atmosfera misteriosa e sinistra in cui traspare un chè di sottilmente erotico. Tutto giocato sul potere immaginifico del montaggio e su piani strettissimi che amplificano l'atto per giungere all'intimo (indefinito), la Deren ci consegna un'opera dalle diverse chiavi di lettura (descrizione ritualizzata di un suicidio?), in cui i piani del Reale e dell'Onirico, si alternano e si fondono in un unicum inscindibile, dove soggettività e oggettività convivono tranquillamente.
Ulteriore prova (se ci fosse ancora qualche dubbio) di come "l'Impero della Mente" non appartenga solo a David Lynch. Costui si è nutrito di opere come queste (e di molte altre)!

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati