Espandi menu
cerca
Cado dalle nubi

Regia di Gennaro Nunziante vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Lina

Lina

Iscritto dal 28 ottobre 2005 Vai al suo profilo
  • Seguaci 108
  • Post 8
  • Recensioni 1075
  • Playlist 15
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Cado dalle nubi

di Lina
8 stelle

Voto 7.5 - Una commedia italiana riuscita, anche se un po' sopravvalutata dai pugliesi. Di risate può strapparne in diversi momenti, ma l'originalità in questo caso è nulla. Checco Zalone in fondo sfrutta diversi luoghi comuni ultra-abusati per divertire o forse satirizzare (il razzismo, l'emarginazione, l'omosessualità e l'ignoranza in questo caso vengono canzonati attraverso accenni sottilmente ingenui, ma abbondantemente frivoli, eppure non sono argomenti sui quali ridere).

Zalone, con la sua genuina comicità e nel fare il verso a se stesso, può risultare anche carismatico, ma si dedica ad interpretare situazioni esilaranti facilone. Tuttavia, dicono che quel che conta è il risultato che in questo caso si rivela di certo abbastanza buono. Mitica in modo particolare la scena in cui Checco scambia la droga per del gesso con cui effettuare una riparazione e simpatica la battuta: "perdonali, perchè non sanno quello che fanno" che fa quando il padre della ragazza della quale è innamorato getta le orecchiette fatte da sua madre nella spazzatura, ma si rivela memorabile anche il testo della canzone che nella scena iniziale del film, dedica alla sua prima fidanzata Angela.

 

La trama

 

La trama non propone intrecci particolarmente complessi. Ha come protagonista un ragazzo che ha un sogno nel cassetto: diventare un cantante famoso e che durante un viaggio a Milano, un po' per caso ed un po' per fortuna, ci riesce. Vive una serie di esperienze divertenti e nel conquistare perfino l'amore di una donna proveniente da un mondo totalmente diverso dal suo, lascia che il film si riveli quasi una favola moderna.

 

Checco Zalone

 

Interpreta la caricatura di se stesso e non gli risulta difficile in fondo. Non è chissà quale grande attore, è più semplicemente un comico naturale e ha ricevuto un successo esagerato a mio parere, perchè non proprone nulla di veramente originale dato che sembra si ispiri allo stile comico di Emilio Solfrizzi, anche lui barese e comico naturale che nei suoi primi sketch televisivi che non tutti conoscono perchè trasmessi da alcune reti pugliesi, era spesso impegnato nel fare la caricatura di se stesso e di un modo di parlare da ignorantone, con grande genuinità.

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati