Trama

Inverno 1943. Martina ha 8 anni, vive alle pendici di Monte Sole, non lontano da Bologna, è l'unica figlia di una famiglia di contadini che, come tante, fatica a sopravvivere. Anni prima ha perso un fratellino di pochi giorni e da allora ha smesso di parlare. Nel dicembre la mamma rimane nuovamente incinta. I mesi passano, il bambino cresce nella pancia della madre e Martina vive nell'attesa del bimbo che nascerà, mentre la guerra man mano si avvicina e la vita diventa sempre più difficile. Nella notte tra il 28 e il 29 settembre 1944 il piccolo viene finalmente alla luce. Quasi contemporaneamente le SS scatenano nella zona un rastrellamento senza precedenti, che passerà alla storia come la strage di Marzabotto.

Note

Lo stile quasi documentario di Il vento fa il suo giro, fa largo a una scabra ma impeccabile ricostruzione d’ambiente, confermando l’amore del regista per l’aderenza antropologica ai riti delle piccole comunità, raccontati con un taglio che richiama Olmi senza mancare, come già il film precedente, di ritrarre la durezza di chi ha fatto un’esistenza aspra e antica.

Commenti (11) vedi tutti

  • Un film sconvolgente e meraviglioso, recitato nel "mio" dialetto quindi che mi colpisce ancor più nel profondo. Una pagina di storia dolorosissima da rileggere. Attori azzeccatissimi soprattutto quelli non professionisti.

    commento di Abbi
  • Un grande film che nasce descrivendo le piu' piccole cose della vita.La vita e' quella durissima sull'Appennino bolognese durante l'ultima guerra.Diritti racconta quotidianita' ed eventi storici in modo mirabile!

    commento di catsandbears
  • stupendo,peccato per i sottotitoli

    commento di danandre67
  • intenti ottimi, ricostruzione storica ottima. Ma il film è girato a livello amatoriale e annoia parecchio. Per appassionati del neorealismo.

    commento di Ewan
  • Il film italiano più bello degli ultimi anni…imperdibile davvero

    commento di nica
  • Davvero imponente.

    commento di satura
  • questo è cinema! un film avvolgente e coraggioso , sono lunghi i fili dipanati in quei giorni di guerra e arrivano attraverso i miei nonni nel mio dna

    commento di red grave
  • Voto: 8

    commento di BobtheHeat
  • Un film meraviglioso, da lasciare senza parole. Un regista che rimarrà nella storia, al pari di tanti grandi quali lo stesso Olmi di cui Diritti è stato assistente. Perfetto

    commento di nibbio
  • Film davvero bello e toccante, da bolognese, con diversi parenti della zona, l'ho apprezzato ancora di più, come l'idea del dialetto montanaro con i sottotitoli.

    commento di Marco M
  • Non servono parole, solo stellette.Con Matteo Garrone, un altro vero grande regista italiano.

    commento di iro
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

montelaura di montelaura
10 stelle

C'è un parco, unico nel suo genere, sugli Appennini bolognesi. E' sprofondato in un silenzio sovrannaturale, accentuato dal frusciare delle fronde degli alberi e dal frinire incessante delle cicale. Pare un luogo fatato, immobile e remoto, cristallizzato in un tempo lontano, una sorta di muta cattedrale a cielo aperto. Una cattedrale di oltre 6300 ettari in cui riposano le vite, le… leggi tutto

50 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

jonas di jonas
6 stelle

Nell’autunno 1943 la vita della comunità contadina di Monte Sole, vicino a Bologna, viene travolta da una feroce rappresaglia nazista. Il film si pone fra l’Olmi di L’albero degli zoccoli (nella descrizione dei ritmi lenti della società agricola, e in particolare nella scena dell’uccisione del maiale) e i Taviani di La notte di San Lorenzo (come lì,… leggi tutto

6 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

rebis di rebis
4 stelle

Per maneggiare un calderone ribollente occorrono determinazione e tempismo. Giorgio Diritti, invece, temporeggia e imbastisce, fa i convenevoli del caso e cerca alternative, sguardi inediti e strategie: poi, si ostina a scodellare una zuppa ormai rappresa quando tutti i commensali hanno già perso l’appetito. Non mostrare quando è proprio giunta l'ora e reiterare l'orrore… leggi tutto

6 recensioni negative

2017
2017
Nel mese di gennaio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Trasmesso il 20 gennaio 2017 su Rai Movie
2016
2016

HEIL HITLER ? NO GRAZIE !

pippus di pippus

Carissimi coutenti, mi sento in dovere di ringraziarvi tutti per l’inaspettata adesione a quella che normalmente si dovrebbe definire recensione ma che, nel caso specifico, sarebbe più opportuno ritenere…

leggi tutto
Nel mese di luglio questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti

Recensione

aleagos di aleagos
3 stelle

Le ipotesi su cui lavorare sono due: A) È un documentario ed in tal caso mi astengo da ogni commento che lascio a chi conosce la storia molto meglio di me  B) È un film e allora è un filmetto pessimo. Non c'è una trama se non quella della strage di Marzabotto nella quale, appunto e come per tutti i film di guerra e non solo, dovrebbe inserirsi il racconto; a…

leggi tutto
Recensione

Recensione

nexuss6 di nexuss6
1 stelle

Non ho visto questo ennesimo prodotto sulle famigerate stragi naziste della guerra e non ho nemmeno nessuna intenzione di vederlo per un semplicissimo motivo: al di là di qualsiasi convinzione storico-politica mi domando se è mai possibile che la nostra cinematografia e non solo debbano, passati ormai 70 anni, continuare a rimestare nelle più o meno aberranti nefandezze…

leggi tutto
Trasmesso il 31 luglio 2016 su Rai Storia
2015
2015
Nel mese di ottobre questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti
Trasmesso il 4 ottobre 2015 su Rai Storia
Nel mese di agosto questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Nel mese di giugno questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Recensione

Utente rimosso (LGiulia) di Utente rimosso (LGiulia)
8 stelle

La guerra vista con gli occhi di Martina. Con gli occhi della gente comune, semplice che vive nella zona del Monte Sole. Gli stessi dialoghi sono in dialetto (sottotitolato) tanto da rendere ancora più realistico lo scenario descritto. La vita di ogni giorno, la povertà, la guerra che imperversa e nemmeno si sa cosa voglia dire. Inizialmente il film non prende una parte politica,…

leggi tutto

Recensione

Carlo Ceruti di Carlo Ceruti
10 stelle

E' un film di un realismo e di una crudeltà tali che colpisce e coinvolge ferocemente. La storia dell'eccidio di Marzabotto si sviluppa essenzialmente in due parti: nella prima vengono mostrati i civili ed i contadini alle prese con la loro vita quotidiana, con le piccole gioie ed i dolori, la vita nei campi e le vicende familiari. Costoro sembrano solo 'turisti' o 'spettatori' di una…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti
Nel mese di aprile questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti
Trasmesso il 23 aprile 2015 su Rai Movie
Nel mese di gennaio questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito