Espandi menu
cerca
Finestre

Regia di Peter Greenaway vedi scheda film

Recensioni

L'autore

OGM

OGM

Iscritto dal 7 maggio 2008 Vai al suo profilo
  • Seguaci 195
  • Post 123
  • Recensioni 3109
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Finestre

di OGM
10 stelle

Un geniale preludio all'enciclopedismo surreale di "The Falls", di cui condensa, in meno di quattro minuti, tutta la provocatoria essenza pseudo-documentaristica. Ad essere sottoposta alla prova dell'assurdo è la mania scientista di classificare la realtà, catalogando gli oggetti reali per analogia di forma ed enumerando i fenomeni simili avvenuti in un certo intervallo di tempo: l'approccio fondato sull'osservazione empirica appiattisce, di fatto, la varietà del mondo, ne tralascia le sfumature e ne sbiadisce i colori, perché, contro il rigido schematismo dei dati, si frantuma tutta la magica poesia del creato, e svanisce anche il tragico mistero della vita e della morte.  Le finestre - di cui le immagini del film propongono trasfigurazioni romantiche ispirate a Hopper e Magritte – nel rapporto statistico sciorinato dalla voce fuori campo sono invece una banale causa di decesso, per caduta accidentale, suicidio od omicidio. Le vittime sono raggruppate per età e condizione, gli eventi in base al periodo dell'anno e all'ora del giorno. Dentro questo scarno elenco mancano le storie, mancano le personalità, che pure esistono, e premono per farsi sentire: è così che, in mezzo a tanta uniforme e anonima aridità, riesce a farsi strada un dettaglio ribelle, un ricciolo di verità che sfugge a questa innaturale consegna della reticenza sulle vicende umane: uno dei defunti - scappa detto al commentatore -  suonava il clavicembalo. Un fatto oggettivamente irrilevante, che è però, nella pellicola, l'unico soffio vitale, l'unico acuto di esistenza, e riesce quindi, per contrasto, a farci percepire quella sottile differenza, quel quid che distingue una canzone da una lirica, un racconto da una fiaba: è una goccia di quella pulsazione fluida che gonfia il tessuto dello scritto, trasformando le parole, da semplici segni sulla carta,  a suoni tondi di un'artistica melodia. 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati