Espandi menu
cerca
Valhalla Rising. Regno di sangue

Regia di Nicolas Winding Refn vedi scheda film

Recensioni

L'autore

GIMON 82

GIMON 82

Iscritto dal 7 marzo 2012 Vai al suo profilo
  • Seguaci 106
  • Post -
  • Recensioni 430
  • Playlist 23
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Valhalla Rising. Regno di sangue

di GIMON 82
8 stelle

Filosofia del sangue,

Ombre umane,nell'introspezione personale a suon di pugni e "sbudellamenti".

Figure senza tempo,nell'oasi mitologica d'un paesaggio livido e aspro.

Nell'isola d'un parallelismo umano dimenticato dal bene,si muove una maschera,cicatrizzata e scolpita dalla durezza dell'inferno terreno.

E' "One eye",guerriero cieco da un occhio,un muto dallo sguardo ferreo,perso nel suo entroterra "visionario".

Sembra un racconto o una "favola" plumbea,di quelle raccontate agli infanti,vissute nelle fantasie o nei disegni di tenera' eta'.

Ma qui non si parla di favole della buonanotte,c'è un magma infernale,semovente nelle lande fredde e sterminate dei vichinghi d'un tempo.

Nicolas Winding Refn,il talento cristallino del cinema europeo racconta una "favola" all'odore d'inferno.

Una strada tortuosa quella del danese,non accessibile al mainstream o a palati dall'insulto facile.

"Valhalla Rising"-REGNO DI SANGUE,è un viaggio nell'animo e nei recessi oscuri dell'umano.

Un viaggio (ultra)terreno alla ricerca d'un "sè" nascosto.

Utilizzo dei silenzi,di dialoghi secchi e quasi rari,e di immagini contemplative,rendono quest'opera un quadro crudo e diretto,accompagnato da

una fotografia livida e potente.

Un dipinto della telecamera,volutamente introspettivo,accompagnato da forzature pretenziose,ma straordinarie nell'assolutismo enigmatico.

 

Si rimane ipnotizzati da una vicenda "rubata" dal tempo passato,e trasposta nell'"oggi",nell'eloquio "messianico"dei personaggi.

Anime scomposte,alla ricerca d'un "Dio",colonizzatori e crociati di brughiere nordiche.

Il "Dio" che non c'è nelle valli selvaggie,dove domina uno spirito invisibile,vivente nelle gesta del carismatico "One-eye".

Ritengo geniale la scelta di Refn,di accompagnare le gesta d'un "bruto" come One-eye,ad un ragazzino candido,una specie di efebo celtico,e compagno di sventure,attraverso il quale il guerriero ritrova la parte profonda di se.

Un "se" che Winding-Refn lascia parlare in campi fissi o lunghi,nell'animo naturale di terre inacessibili.

Un enorme dipinto lento e "discontinuo" nella narrativa,dove trova spazio solamente lo sguardo e l'introspezione.

"Ritrovarsi e sacrificarsi" ad una causa nobile,è il passepartout per una redenzione di un corpo cicatrizzato e dipinto dalle battaglie fangose.

 

One-eye ritrovera il suo se,contemplando e uccidendo,immergendosi in "bagni visionari",dove la luce è psichedelica.

Una scelta coraggiosissima quella di Refn,nel far defluire immagini ataviche e catartiche,accompagnate da suoni e luci postmoderne.

"Valhalla Rising" è cosi' un tumulto animale e spirituale,un opera complessa,dall'esoterismo inacessibile.

Refn sceglie cosi' un "dialogo" per immagini,nel quale cercare "risposte" spirituali nascoste.

Tutto è cosi' riposto nella fisicita' dell'attore/feticcio Mads Mikkelsen,straordinario nell'espressione impassibile,ma pregna di carisma e introspezione.

Le brughiere selvagge divengono cosi' luogo d'analisi religioso/etica,dove vince il sacrificio redentivo,dove i corpi fangosi e tatuati dalle battaglie sono sculture fisse nel "senza tempo".

Una filosofia cinematografica rara,offerta dal talento d'un regista che fortunatamente non scende a compromessi con lo spettatore.

Refn è coraggioso nel mostrare una "sfacciataggine" autoriale poco comune,nell'offrirsi a noi con un opera enigmatica e travolgente.

Film che mancano troppo sui teleschermi,che prendono a schiaffi l'ordine commerciale delle cose.

"One Eye" e Refn,rari rappresentanti di contemplazioni figurative,che colpiscono e accecano l'animo dello spettatore.

Trascendentale nei messaggi figurativi,"Valhalla Rising" trasporta nei fiumi dell'interiorita',lasciandoci col fiato sospeso e la meraviglia negli occhi.........straordinario.......voto 7/8

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati