Trama

Partendo dalla figura di Antonia Pozzi, una poetessa originale e appassionata del Novecento Italiano, morta suicida a soli 26 anni nel 1938, il film vuole riflettere sul ruolo dell’artista e del poeta nella società di allora e di oggi. Motore e voce narrante è Maria, una cineasta che, affascinata dalla Pozzi, ne studia l’opera e ricerca il mondo e i personaggi della sua vita. Decisivo per Maria è l’incontro con un gruppo di studenti universitari che diffondono le loro poesie in forma anonima sui muri della città. Maria li coinvolge nel suo progetto: vorrebbe che la poesia di Antonia Pozzi, tramite i ragazzi, rinascesse a Milano, non più come espressione solitaria e intima, ma come momento condiviso.

Note

Sguardo asciuttissimo, gusto geometrico, Spada guarda Milano dall’alto, raccoglie l’invito della Pozzi all’introspezione inquadrando tanto i tram cittadini quanto l’erba di Pasturo e i silenzi di Chiaravalle. Se i dialoghi dei tre studenti-poeti rischiano il didascalismo, la regia è netta e ispirata nel tradurre in linguaggio cinematografico la strutturale, avvincente inafferrabilità della poesia.
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è negativa

Mulligan71 di Mulligan71
4 stelle

Documentario breve, cinquanta minuti, che prova a entrare, con grazia, nell'universo poetico di Antonia Pozzi, la più grande poetessa che l'Italia abbia mai avuto, troppo dimenticata, troppo sottovalutata. La Spada, encomiabile nel suo tentativo di riportare la luce sulle parole e sulla vita della Pozzi, fallisce completamente l'approccio, a mio modo di vedere. Se il lavoro ha una sua… leggi tutto

1 recensioni negative

Recensioni

La recensione più votata delle positive

FilmTv Rivista di FilmTv Rivista
8 stelle

«Perché la poesia ha questo compito sublime, di prendere tutto il dolore che ci spumeggia e ci romba nell’anima e di placarlo, così come sfociano i fiumi nella vastità celeste del mare». Versi di Antonia Pozzi (1912-1938), figlia della borghesia ricca milanese, inquieta ricercatrice di senso, tra letteratura e filosofia. Allieva, come Paolo Treves e Arnoldo Mondadori, di Antonio Banfi… leggi tutto

1 recensioni positive

2014
2014

Recensione

Mulligan71 di Mulligan71
4 stelle

Documentario breve, cinquanta minuti, che prova a entrare, con grazia, nell'universo poetico di Antonia Pozzi, la più grande poetessa che l'Italia abbia mai avuto, troppo dimenticata, troppo sottovalutata. La Spada, encomiabile nel suo tentativo di riportare la luce sulle parole e sulla vita della Pozzi, fallisce completamente l'approccio, a mio modo di vedere. Se il lavoro ha una sua…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
2012
2012

C'è poeta e poeta.....

panflo di panflo

Perché tu mi dici: poeta? Io non sono un poeta. Io non sono che un utente che balbetta. Vedi: non ho che playlist da offrire al  Sito. Perché tu mi dici: poeta?   Le mie play sono povere play comuni. Le mie…

leggi tutto
2009
2009

Recensione

FilmTv Rivista di FilmTv Rivista
8 stelle

«Perché la poesia ha questo compito sublime, di prendere tutto il dolore che ci spumeggia e ci romba nell’anima e di placarlo, così come sfociano i fiumi nella vastità celeste del mare». Versi di Antonia Pozzi (1912-1938), figlia della borghesia ricca milanese, inquieta ricercatrice di senso, tra letteratura e filosofia. Allieva, come Paolo Treves e Arnoldo Mondadori, di Antonio Banfi…

leggi tutto
Recensione
Uscito nelle sale italiane il 16 novembre 2009
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito