Espandi menu
cerca
La doppia ora

Regia di Giuseppe Capotondi vedi scheda film

Recensioni

L'autore

FilmTv Rivista

FilmTv Rivista

Iscritto dal 9 luglio 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 226
  • Post 80
  • Recensioni 6292
  • Playlist 6
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su La doppia ora

di FilmTv Rivista
8 stelle

Due cuori solitari si incontrano. Lui era un poliziotto, lei viene dall’Est e fa la cameriera. A lui è affidata una villa contenente molti oggetti d’arte. Lei lo va a trovare. Poi c’è una rapina, una sparatoria, un’indagine, forse una morte. E una vicenda che si dipana tra colpi di scena duri ma ovattati. La vicenda gialla è sullo sfondo, i protagonisti restano i due solitari che si erano conosciuti in un’agen­zia di speed dating. A Venezia, dove era in concorso, l’opera prima di Giuseppe Capotondi (al suo attivo in precedenza clip e pubblicità) è piaciuta molto. Tant’è vero che Ksenia Rappoport ha portato a casa la Coppa Volpi come migliore attrice, sovvertendo le previsioni della vigilia. Si tratta di un film sorprendente, strano, mai banale, mai scontato. Un film dove la suspense è soprattutto una suspense dell’anima, i colpi di scena ci sono ma sono sempre coniugati con le conseguenze che porteranno nelle vite e negli affetti dei due protagonisti. Compreso lo strano rumore che ogni tanto la protagonista avverte (ma solo lei) nella prima parte del film. Cinismo e amore, legati in modo quasi indissolubile. Alla fine gli elementi gialli tornano tutti, quelli affettivi un po’ meno. Per proporre un’opera prima così insolita e graffiante ci voleva la coppia Nicola Giuliano & Francesca Cima, i due che hanno arricchito il cinema italiano con il talento di Sorrentino e la suspense di La ragazza del lago. Per interpretare i due protagonisti era indispensabile il talento di Filippo Timi e di Ksenia Rappoport, bravissimi ed efficaci. Per legare insieme giallo e amore, sogno e realtà ci voleva una mano sicura anche se di esordiente. Gli elementi si combinano bene, il film è riuscito. Ma soprattutto è riuscita l’operazione più difficile: fare un film di dimensioni e ambizioni internazionali mantenendo salda l’iden­tità italiana. Ed è riuscito anche l’inserimento in concorso a Venezia di un’opera prima che non è stata mandata al massacro. Era da tempo che questo non accadeva.

 

Recensione pubblicata su FilmTV numero 40 del 0

Autore: Steve Della Casa

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati