Espandi menu
cerca
A Serious Man

Regia di Ethan Coen, Joel Coen vedi scheda film

Recensioni

L'autore

FABIO1971

FABIO1971

Iscritto dal 15 luglio 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 116
  • Post 11
  • Recensioni 526
  • Playlist 3
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su A Serious Man

di FABIO1971
10 stelle

Una comunità ebraica in una tranquilla cittadina del Minnesota alla fine degli anni Sessanta: sono i tempi dell'Estate dell'Amore, del Flower Power, dei Jefferson Airplane di Somebody to Love. Larry Gopnik (Michael Stuhlbarg), professore universitario di fisica, però, ha qualche problema. Sua moglie Judith (Sari Lennick), infatti, ha una relazione con un altro uomo, Sy Ableman (Fred Melamed) e gli ha appena chiesto il divorzio, i due figli adolescenti, Sarah (Jessica McManus) e Danny (Aaron Wolff), lo tormentano con l'insofferenza e i drammi della loro età, lo svitato fratello Arthur (Richard Kind) gli si è insediato in casa a turbare con le sue eccentricità la già precaria quiete della famiglia. Tutto qui? No, c'è anche la vicina di casa, la disinibita signora Samsky (Amy Landecker), che prende il sole nuda in giardino e mette a dura prova il suo equilibrio. E poi, come se non bastasse, le sue ambizioni professionali vengono ostacolate da una serie di lettere anonime e denigratorie spedite al preside della facoltà. Decisamente troppo: i nervi cedono, gli incubi iniziano a tormentare i suoi sonni e nè i consigli dei ministri della fede, nè la sua formazione scientifica ("Il principio di indeterminazione dimostra che non possiamo mai sapere davvero che cosa accade"), riescono a rasserenare la sua inquietudine. Prima che ogni sua certezza crolli definitivamente, Larry, che, sempre più turbato, si è improvvisamente reso conto di aver assoluto bisogno di comprendere e pretende risposte chiare ai dubbi esistenziali che lo assillano, si convince a chiedere udienza addirittura a Marshak (Alan Mandell), il capo rabbino della comunità:
"La prego, ho bisogno di aiuto. Ho già parlato con gli altri rabbini, la prego. Non si tratta del Bar Mitzvah di Danny... mio figlio Danny... il prossimo Shabbath, un avvenimento festevole... va tutto benissimo. Riguarda più me stesso. Ho avuto un bel po' di guai di recente, problemi matrimoniali, professionali, faccia lei... Questa non è una richiesta frivola, questa è seria... io sono serio, io sono... ho cercato di essere un uomo serio, ecco... Ho cercato di agire bene, essere un membro della comunità, crescere Danny e Sarah... vanno entrambi a scuola, una scuola ebraica, una buona colazione... beh, Danny va alla scuola ebraica, Sarah non ne ha il tempo: lei, per lo più, si lava i capelli. A quanto pare sono varie le fasi dell'operazione, ma questo non deve dirlo a Marshak: dica solo che mi occorre aiuto. La prego, mi occorre aiuto!".
Marshak, però, non acconsente a riceverlo e a Larry non resta che convivere con la propria disperazione. I bollettini meteorologici, intanto, annunciano l'arrivo di un tornado.
A Serious Man, scritto, montato, prodotto e diretto dai fratelli Coen, al loro quattordicesimo lungometraggio, è un'opera di cristallina limpidezza espressiva: un "quasi-capolavoro", verrebbe da aggiungere, e non solo valutandolo all'interno della filmografia dei suoi autori. Chi ama i Coen di Crocevia della morte, Barton Fink e Fargo, infatti, non potrà che ritrovarvi identiche e raffinate stimmate: quelle di un cinema che non lascia scampo, percorso da eroi disperati, "idioti" dostoevskijani lasciati ferocemente sprofondare in nerissimi inferni esistenziali, per trasfigurarne allegoricamente ogni speranza di redenzione o riscatto. E proprio della sublimazione di questa aspirazione drammaturgica alla trasfigurazione allegorica si nutre A Serious Man. Che, però, prosegue oltre: le pulsioni nichiliste e i ghigni più beffardi si sono trasformati, infatti, in sardonici sussurri di una ineluttabile e tutt'altro che consolante accettazione della disperazione. Qui sguardo e macchina da presa, nelle loro ipnotiche, avvolgenti e implacabili movenze, magistralmente orchestrate sul doppio registro di un acidissimo black humour e dell'apocalittica escalation di disgrazie che si accanisce sul moderno Giobbe Larry Gopnik, si rivolgono, esplicitandone le intenzioni sin dal fondamentale e straniante prologo in epoca medievale, alle consuetudini, ai retaggi culturali e ai misteri religiosi dell'ebraismo, tra Kabbalah, crisi della ricerca spirituale e fallimento del determinismo scientifico. Larry Gopnik, di fronte allo sgretolarsi di ogni certezza, osserva smarrito la sua vita andare in pezzi: si interroga, anzichè semplicemente "vivere", sui motivi, cerca risposte, si domanda come sia potuto accadere che un "uomo serio" e rispettoso come lui (propenso, cioè, a "ricevere con semplicità tutto ciò che gli accade", come recita la didascalia con cui si apre il film) sia finito sul ciglio del baratro. Stavolta, però, non esiste via di fuga per il suo disorientamento: se non bastasse, infatti, la telefonata del medico che avvisa Larry sull'esito dei suoi esami diagnostici, c'è pur sempre un uragano in arrivo. E i Coen, giunti ormai allo stadio terminale dell'irrisione, intonano il proprio mantra in onore del Tormento lasciando definitivamente implodere il pessimismo (mistico, oltre che cosmico...) e il disincanto nella raggelante inquadratura finale. Cast impeccabile, sorretto dalla convincente interpretazione del protagonista Michael Stuhlbarg (Nessuna verità), magnifica fotografia di Roger Deakins e colonna sonora, splendida, di Carter Burwell. Inaspettatamente, i Coen più impietosi di sempre.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati