Espandi menu
cerca
The Road

Regia di John Hillcoat vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Immorale

Immorale

Iscritto dal 10 agosto 2007 Vai al suo profilo
  • Seguaci 123
  • Post 39
  • Recensioni 383
  • Playlist 20
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su The Road

di Immorale
8 stelle

Mi risulta difficile scrivere una recensione su “The Road”, tale è stato lo sconforto trasmessomi dalla visione della storia raccontata; un sconforto non dovuto all’aspetto qualitativo del film ma alla nuda messa in mostra della (inevitabile) regressione sociale dell’umanità a seguito, in questo caso, di un’immane catastrofe che ha modificato radicalmente la vita e lo “status quo” umano. Ma sarebbe bastato molto meno per far affiorare in superficie l’umano istinto animalesco invano ricoperto di socialità, un litigio in auto o in metropolitana, una partita di calcio, una multa o la vergogna di un gesto compiuto ritenuto esecrabile dalla collettività (per riallacciarmi a fatti di cronaca recenti); l’uomo, quindi, tenderebbe per propria natura al male ? Lascio a filosofi ed antropologi l’ardua sentenza, non avendo i necessari mezzi di analisi, ma non sono ottimista. La storia raccontata mette in mostra vari aspetti regressivi di un’umanità senza nome, dal suicidio di famiglie intere rassegnatesi all’impossibilità di riuscire a sopravvivere, al padre disposto a tutto pur di difendere il figlio, fino a gruppi di uomini oramai trasformatisi in spietati cannibali seriali; tutti si aggirano senza speranza all’interno di una terra non più madre ma spietato mostro pronto ad inghiottirli nelle proprie rocciose fauci. John Hillcoat dirige con mestiere una storia apparentemente minimale ma dai mille spunti e ci immerge in un incubo fuligginoso ed angosciante (grazie anche alla “splendida” fotografia in bianco e nero alternata ai colori sgargianti e “vitali” dei flashback del protagonista) dove non c’e spazio per la speranza (non lasciatevi ingannare dal finale  falsamente ottimistico) ma solamente per un apparentemente vuoto “tirare a campare”. Viggo Mortensen offre un’interpretazione direi memorabile, riuscendo, grazie alla sua recitazione minimale ed arcigna ed al suo volto eccessivamente rugoso, a trasmettere fisicamente una crescente angoscia emotiva, perfetto simulacro in carne ed ossa di un’umanità smarrita.    

Sulla trama

Apocalittica.

Su John Hillcoat

Robusta.

Su Charlize Theron

Rassegnata.

Su Viggo Mortensen

Stoico.

Su Kodi Smit-McPhee

Speranzoso.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati