Espandi menu
cerca
Dogtooth

Regia di Yorgos Lanthimos vedi scheda film

Recensioni

L'autore

sasso67

sasso67

Iscritto dal 6 dicembre 2002 Vai al suo profilo
  • Seguaci 91
  • Post 64
  • Recensioni 4478
  • Playlist 42
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Dogtooth

di sasso67
8 stelle

La mia impressione è che l'autore di Kynodontas attribuisca al sesso una funzione fondamentale come motore per lo sviluppo della personalità umana: o, quanto meno, è questa l'opinione che traggo dalla visione del film. La famiglia di tarati al centro del film, infatti, vivrebbe in una specie di Eden, creato a bella posta dal padre - il più tarato di tutti - se non fosse che quest'ultimo concede al figlio la soddisfazione sessuale, normale per i suoi vent'anni o giù di lì. È questo il cavallo di Troia che mette in crisi l'edificio costruito dal distorto pater familias.

Attraverso un meccanismo induttivo che prende le mosse dall'esperienza sessuale - anche perché il linguaggio, in grazia dell'educazione impartita in famiglia, ha assunto una funzione ingannevole - avviene la liberazione della giovane generazione, che pure rispetta la regola fondamentale della casa: quella secondo la quale la liberazione avverrà quando il giovane perderà uno dei denti canini.

Kynodontas è un esperimento interessante, che rivela un nuovo talento cinematografico europeo, stranamente lontano da colui che fu per anni il patriarca del cinema greco, cioè Theo Anghelopoulos. L'importante è che il regista Lanthimos - del quale non ho visto altri film, né prima né dopo questo - non abbia sparato tutte le proprie cartucce proprio con Kynodontas (ma si sente già parlare bene del recente The Lobster).

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati