Trama

Emma Bovary, sposata troppo presto a un medico di provincia, sogna ben altri orizzonti. Dopo essere stata sedotta e abbandonata dal libertino Rodolphe, si trova un altro amante in Léon. Quando, rovinata dai debiti, cerca l'aiuto finanziario di Rodolphe, senza trovarlo, decide di suicidarsi con l'arsenico.

Note

L'aspetto del romanzo di Flaubert che ha interessato Chabrol è senza dubbio quello dato dal sottotitolo "Costumi di provincia". L'approccio è letterario quanto si vuole, ma la cattiveria di Chabrol sulla vita e l'ambiente soffocanti della provincia è esplicita.

Commenti (3) vedi tutti

  • Confezionato con maestria. Brava la Huppert. Madame Bovary fa sempre comunque molta rabbia.

    commento di Artemisia1593
  • VOTO : 7+. Buonissimo film in costume, una parabola con finale atroce, tra vizi e passioni di una famiglia borghese. Intenso e ben fatto sotto diversi punti di vista (narrazione, costumi, dialoghi, sentimenti).

    commento di supadany
  • E' un'opera d'arte in cui forma e contenuto hanno la stessa importanza,e si esaltano reciprocamente.

    commento di IVANSELVA
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

hupp2000 di hupp2000
8 stelle

Credo che nell’accostarsi a questo adattamento cinematografico dell’opera di Flaubert sia opportuno mettere da parte il proprio giudizio sul romanzo. Per quanto desideroso di restargli fedele, Claude Chabrol realizza un’opera molto personale, è costretto ad abbreviare la vicenda e non perde l’occasione di graffiare ancora una volta il moralismo e l’ipocrisia di una  certa borghesia… leggi tutto

2 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

barabbovich di barabbovich
5 stelle

Nella Francia dell'800, Emma Bovary (Isabelle Huppert) dà inizio alla sua scalata sociale sposando un medico condotto che è l'incarnazione della mediocrità. Tra serate di gala e chiacchierate amicizie altolocate, proseguirà nell'intento fino alla fine, quando, oberata dai debiti accumulati, morirà suicida dopo essere stata abbandonata da più di un… leggi tutto

3 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

fedeico winslet di fedeico winslet
4 stelle

La regia di Claude Chabrol rischia in ogni momento di sembrare superficiale,arbitraria,quasi "autodivisezionata". Perde purtroppo gran parte della sua poeticità già dai primi momenti.Ma l'interpretazione di Isabelle Huppert possiede una trascendentalità e una dirompenza da vera eroina ottocentesca.Bellissima la colonna sonora composta da Matthieu Chabrol. leggi tutto

1 recensioni negative

2018
2018
2017
2017

Recensione

barabbovich di barabbovich
5 stelle

Nella Francia dell'800, Emma Bovary (Isabelle Huppert) dà inizio alla sua scalata sociale sposando un medico condotto che è l'incarnazione della mediocrità. Tra serate di gala e chiacchierate amicizie altolocate, proseguirà nell'intento fino alla fine, quando, oberata dai debiti accumulati, morirà suicida dopo essere stata abbandonata da più di un…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
2013
2013

Recensione

hupp2000 di hupp2000
8 stelle

Credo che nell’accostarsi a questo adattamento cinematografico dell’opera di Flaubert sia opportuno mettere da parte il proprio giudizio sul romanzo. Per quanto desideroso di restargli fedele, Claude Chabrol realizza un’opera molto personale, è costretto ad abbreviare la vicenda e non perde l’occasione di graffiare ancora una volta il moralismo e l’ipocrisia di una  certa borghesia…

leggi tutto
Recensione
Utile per 7 utenti
2010
2010

Recensione

mm40 di mm40
6 stelle

Vittima o carnefice? Il personaggio di Emma Bovary è senz'altro uno dei più irrisolti - proprio per la sua profonda umanità e in un certo senso 'mediocrità' - della storia della letteratura; qui Chabrol costruisce una sceneggiatura ossequiosa del romanzo di Flaubert, fin troppo aderente alla pagina scritta e cinematograficamente, perciò, un bel po' piatto. Emma…

leggi tutto
Recensione
2009
2009

Recensione

jonas di jonas
6 stelle

Chabrol si confronta con l’archetipo del suo cinema, il testo che per primo ha definito il nucleo tematico “scheletri nell’armadio della borghesia provinciale francese”. Date le premesse, il risultato poteva essere migliore: il film è decorativo ma piatto, non riesce a rendere la complessità della pagina scritta. Delusione parzialmente riscattata da una Huppert grande come sempre.

leggi tutto
Recensione

Tradimenti

Redazione di Redazione

Materia oscura per eccellenza, deviazione dall'altro. Il tradimento è maschera, è vigliaccheria, è doppiezza. E spesso, quanto più è atroce, tanto più è spettacolare. Proviamo allora a metterli in fila tutti…

leggi tutto
Playlist
2008
2008

Recensione

joe cavana di joe cavana
8 stelle

Un notevolissimo film in costume tratto dall'importante romanzo di Flaubert. Ovviamente le scenografie, i costumi e la storia sono impeccabili, e inoltre l'ambientazione di provincia permette a Chabrol di continuare le sue critiche alla stessa. Anche nel caso in cui tutto questo possa non bastare, c'è una grandissima Isabelle Huppert, e un film con lei merita sempre una visione. Voto: 7.

leggi tutto
Recensione
2006
2006

Recensione

fedeico winslet di fedeico winslet
4 stelle

La regia di Claude Chabrol rischia in ogni momento di sembrare superficiale,arbitraria,quasi "autodivisezionata". Perde purtroppo gran parte della sua poeticità già dai primi momenti.Ma l'interpretazione di Isabelle Huppert possiede una trascendentalità e una dirompenza da vera eroina ottocentesca.Bellissima la colonna sonora composta da Matthieu Chabrol.

leggi tutto
Recensione
Trasmesso il 23 febbraio 2006 su Rai Movie
Trasmesso il 14 febbraio 2006 su Rai Movie
Trasmesso il 2 febbraio 2006 su Rai Movie
2005
2005
2004
2004

Il romanzo francese al cinema

russell84 di russell84

Forze innaturali e tuttavia innestate in procedimenti ben delineabili attraverso il trasporto e la partecipazione. Suggestioni letterarie rese vive dalla mano di affrescatori e di redattori di sensazioni pungenti.…

leggi tutto
Playlist
2003
2003

Friends (by Movies)

essenus di essenus

Lo so, probabilmente le playlist troppo individuali hanno stufato, ma mi sentivo di fare un tributo alle persone a cui voglio (o ho voluto) più bene in assoluto... è vero, non c'è Ty, ma per lui ce ne vorrebbe una a…

leggi tutto
Playlist
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito