Espandi menu
cerca
Il profeta

Regia di Jacques Audiard vedi scheda film

Recensioni

L'autore

kotrab

kotrab

Iscritto dal 1 gennaio 2004 Vai al suo profilo
  • Seguaci 153
  • Post 21
  • Recensioni 1549
  • Playlist 33
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Il profeta

di kotrab
8 stelle

Una maturazione, quella in divenire nel giovane Malik nel carcere, uno sviluppo non certo positivo, ma sporco, determinato dalla necessità di sopravvivere, di non soccombere nella giungla multirazziale di un microcosmo atroce e cinico. L'intelligenza e la scaltrezza, la discrezione e l'attenzione, l'istruzione e la gavetta, lo porteranno a prevedere, a capire i meccanismi, al di sopra degli altri; la violenza è la base, ma la sua forza sta forse nel non soccombere nemmeno alla violenza assoluta: lo dimostra la sua sensibilità non sopita nonostante tutto, la sua fedeltà all'amicizia e alla fratellanza.
In questo film la prigione è una metafora della Francia. [...] in prigione si ricreano, esasperati, i meccanismi sociali, psicologici, etnici, religiosi, di classe che condizionano la nostra vita sociale. [...] è un film di genere. [...] Non volevo fare un documentario, né un film di denuncia. La metafora sociale sta nei fatti: i personaggi sono musulmani, arabi o africani, la nuova delinquenza - è un fatto statistico, non una dichiarazione razzista, basta entrare per cinque minuti in un carcere francese per rendersene conto. (J. Audiard) 8

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati