Espandi menu
cerca
Il profeta

Regia di Jacques Audiard vedi scheda film

Recensioni

L'autore

barabbovich

barabbovich

Iscritto dal 10 maggio 2006 Vai al suo profilo
  • Seguaci 75
  • Post 7
  • Recensioni 3032
  • Playlist 4
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Il profeta

di barabbovich
8 stelle

Malik El Djebena (Rahim), arabo diciannovenne semianalfabeta fragile e intelligente, fa il suo primo ingresso in carcere per scontare 6 anni. Qui impara a leggere e a scrivere e si mette al servizio di un anziano boss corso (Arestrup), per conto del quale inizia a svolgere diverse missioni che gli servono ad apprendere la dura legge della casa circondariale.
Tratto da un'idea di Abdel Raouf Dafri, Il profeta (la sostituzione dell'articolo indeterminativo dell'originale è del tutto inopportuna) è un buon film di ambientazione carceraria, un piccolo saggio antropologico sulla vita dietro le sbarre. Un po' romanzo di formazione, un po' gangster movie,
un po' thriller di ispirazione tarantitiana (qui ritroviamo le didascalie macroscopiche, il gusto per lo splatter, i ralenty compiaciuti), il film di Jacques Audiard è imperniato ancora una volta (come già in Sulle mie labbra e Tutti i battiti del mio cuore) sul tema dell'impossibilità della redenzione. Anche i limiti sono gli stessi dei film precedenti: pur usando con grande scioltezza la macchina da presa e dirigendo magistralmente gli attori (Rahim e Arestrup gareggiano in bravura), Audriard dilata a dismisura il racconto (siamo oltre le due ore e mezza), che si dipana in rivoli narrativi inessenziali che potrebbero condurlo alla durata di un film di Andy Warhol e a tratti finisce col perdersi in una messa in scena cinematograficamente tanto elegante quanto compiaciuta.
Grand prix al 62esimo festival di Cannes (2009).

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati