Espandi menu
cerca
L'Alba della libertà

Regia di Werner Herzog vedi scheda film

Recensioni

L'autore

leporello

leporello

Iscritto dal 18 dicembre 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 34
  • Post 5
  • Recensioni 518
  • Playlist 9
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su L'Alba della libertà

di leporello
6 stelle

    Arrivo una quindicina d’anni dopo l’uscita del film, scusate il ritardo, ma provo lo stesso ad inserirmi nella discussione: “C’era proprio bisogno di un altro film sulla guerra del Vietnam?”. Non lo so, non parlerei di bisogni, è come i film sul nazismo: quando vedremo il definitivamente ultimo?
Sono moltissimi i (grandi e non) registi che si sono cimentati con la faccenda del Vietnam in forma “fiction”, e personalmente credo che ad un maestro del calibro di Herzog non si potesse negare, per pura reverenza, il diritto di farlo, pur essendosi acceso anche in me un piccolo punto interrogativo sulla necessità che lo avrebbe spinto a realizzarlo (ma si può chiedere ai grandi maestri di spiegarci le loro necessità?).

 

     Sia come sia, alla fine, in una “classifica” dei più bei film sulla guerra del Vietnam, credo che questo “Rescue Dawn” possa tranquillamente stare nella parte alta, se non altro per quello sguardo interrogativo e critico “sull’animale uomo” che accompagna sempre i lavori di un grande intellettuale come Herzog, senza dimenticarsi la sua attitudine per “l’estremo”, estremo della natura, dell’uomo dentro la natura (avete visto “Grizzly Man?”), e dell’uomo dentro la sua propria natura (avete visto il recente, bellissimo “Family Romance, LLC?”).


   Obiettivamente devo però registrare una caduta di stile nell’ultima mezz’ora del film, una volta chiusa la bellissima parte centrale e principale della prigionia (uomo prigioniero della natura e di se stesso), e una volta che il “nucleo” dei prigionieri si scioglie: da qui in avanti, la sceneggiatura va un po’ in testa/coda, e slitta su dei clichés narrativi che sarebbe lecito non aspettarsi da uno come Herzog.  

 

   Aggiungo solo un grande applauso per Christian Bale, attore che abitualmente non amo, artefice di una prestazione davvero eccellente, non fosse altro per come si muove nella difficile jungla delle intenzioni di un Herzog.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati