Espandi menu
cerca
Welcome

Regia di Philippe Lioret vedi scheda film

Recensioni

L'autore

chinaski

chinaski

Iscritto dal 24 agosto 2002 Vai al suo profilo
  • Seguaci 17
  • Post 39
  • Recensioni 587
  • Playlist 3
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Welcome

di chinaski
8 stelle

Attraversare La Manica a nuoto per raggiungere l’Inghilterra. E la ragazza che ama. E un lavoro. E forse una vita migliore. Questo il sogno di Bilal, un ragazzo diciassettenne di origini curdo-irchene, che si ritrova a Calais, in Francia, con tanti altri ragazzi e uomini che come lui scappano dal proprio paese di origine in cerca di condizioni migliori nelle quali vivere.

E la clandestinità. Il reato di clandestinità. Forse uno dei crimini peggiori inflitti dai governi di oggi nei confronti degli esseri umani. Accusare un proprio simile di una colpa che non esiste, quella di essere diverso da te, di provenire da un Paese che non è il tuo. Le barriere erette dall’Occidente capitalista e consumista nei confronti del resto del mondo hanno qualcosa di barbaro. Il lasciare al proprio destino popolazioni che per secoli sono state sfruttate dagli occidentali e il voltare le spalle ai popoli in cui si è cercato di esportare la propria democrazia attraverso la guerra danno il senso dell’atroce ipocrisia che sta alla base del nostro benessere.

Bilal conosce poi un uomo, Simon, un istruttore di nuoto. Anche lui in una fase difficile della sua vita. Un divorzio. Gli ultimi sguardi e contatti con una donna che ancora ama. Come confessa con una disarmante umanità nella scena in cui cerca di toccare ancora il corpo di lei e attraverso le immagini vibrano proprio quelle emozioni, quelle sensazioni, di quando sai che una persona si allontanerà da te per sempre e non potrai più tenerla stretta fra le tue braccia. Mai più.

Lo sguardo del regista penetra nell’atroce condizione in cui si trovano a vivere i clandestini, nei loro disperati tentativi di passare le frontiere. Penetra nell’orrore della società, della polizia che perseguita persone bisognose di aiuto e coloro che decidono, con il proprio amore o le proprie idee, di aiutarli. Welcome, titolo ironico e beffardo, è una testimonianza importante sullo stato delle cose, su come il mondo stia velocemente virando verso nuove forme di fascismo, chiudendosi al prossimo, nell’inutile tentativo di preservare storie e culture ormai decadute e marce, senza capire che l’unica speranza è quella di una evoluzione sociale che faccia proprio del diverso il suo fulcro, nella ricerca di una ricchezza umana che sia condivisione e non esclusione.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati