Espandi menu
cerca
Il lungo addio

Regia di Robert Altman vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Furetto60

Furetto60

Iscritto dal 15 dicembre 2016 Vai al suo profilo
  • Seguaci 28
  • Post -
  • Recensioni 1649
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Il lungo addio

di Furetto60
8 stelle

Straordinario e insolito "noir" di Altman

L'investigatore Marlowe accompagna in Messico l'amico, Terry Lennox, braccato non si sa bene da chi , quando rientra nel suo appartamento,viene arrestato dalla polizia, con l'accusa di favoreggiamento, in quanto la consorte di Terry è stata uccisa, ma presto scagionato, perché lo stesso,sembrerebbe che si sia suicidato.Al detective è quindi affidato un nuovo caso, dalla moglie di uno scrittore alcolizzato, misteriosamente sparito e presto i due fatti si intreccieranno, in un complesso intrigo,incluso di minacce da parte di un gangster violento, che reclama del denaro che Terry gli doveva.In un altalena di colpi di scena, la storia procede a zig-zag e  si complica enormemente,viene a galla perfino un triangolo erotico,in cui è coinvolta la moglie di Lennox  e riserva un bel  finale a sorpresa, per un inganno, che ha più facce.

Altman riporta sul grande schermo Il famoso detective, già impersonato efficacemente da Bogart,poi da Robert Montgomery e da Robert Mitchum, ma l'interpretazione di Elliott Gould è sorprendentemente più consona al personaggio inventato dalla penna di Raymond Chandler .La storia si discosta notevolmente dall'opera letteraria, ma non per mero esercizio di stile, bensì, per offrire una lettura più moderna e incisiva del carattere del detective, il cui comportamento è un misto di ironia spavalda, ma anche  di  malinconica solitudine esistenziale,Marlowe è sornione come il suo  gatto, che non riesce più a trovare, disincantato,a tratti anche cinico,ma intimamente leale e onesto,immerso in una dimensione surreale, con delle vicine di casa "pittoresche".Il regista  regala anche dei virtuosismi tecnici, delle innumerevoli invenzioni fotografiche, con geniali  interventi, in fase di montaggio,per attenuare  l'intensità di alcuni colori  e rendere l'atmosfera più algida e "innaturale"

Qualche utente ha parlato di un "noir destrutturato" e la definizione mi sembra più che calzante,ma si può anche connotare come la  rappresentazione di un "poliziesco anticonvenzionale e grottesco",o un'affascinante e originale "magia cinematografica", che si può collocare,a ragion veduta, nell'olimpo dei film piu importanti, di tutti i tempi.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati