Espandi menu
cerca
Bastardi senza gloria

Regia di Quentin Tarantino vedi scheda film

Recensioni

L'autore

will kane

will kane

Iscritto dal 24 giugno 2002 Vai al suo profilo
  • Seguaci 82
  • Post 6
  • Recensioni 4131
  • Playlist 23
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Bastardi senza gloria

di will kane
8 stelle

Girano varie versioni sulla particolarità del titolo originale dell'ultimo film di Quentin Tarantino, sul perchè della storpiatura in "basterds":a mio parere quella più convincente, vista l'estrosità cinefila e l'attitudine a giocare con il cinema del regista, è quella che sostiene l'errata catalogazione dell' "ispiratore" film di Enzo G.Castellari nella videoteca ove lavorava l'autore de "Le iene". E appunto se da Castellari si parte, si passa per Leone,Aldrich, Ford,fino ad arrivare a Dante:ma non, ovviamente, il letterato, ma il Joe di "Gremlins", al cui finale quello di "Bastardi senza gloria" si riferisce con la sala cinematografica usata come trappola definitiva e mortale per i cattivi. Se del citazionismo compulsivo di Tarantino sono stracolme le righe di libri di cinema a lui dedicati che ne elencano omaggi e desinenze, il ritorno al successo commerciale dopo l'immeritato naufragio di "Grindhouse" amplifica i clamori e le esplosioni di entusiasmo dei fans.Sinceramente, mi è parso nella prima parte molto avvincente e interessante, nella seconda l'effetto-dilatazione della suspence, se tutto sommato funziona nella sequenza della birreria clandestina, nel finale frammenta troppo il narrato,e volendo a tutti i costi disattendere ciò che lo spettatore normalmene si aspetta, rischia spesso di inciampare e autocompiacersi fin troppo. Di capolavoro appunto non parlerei, semmai di una nuova destrutturazione di un genere, qui il film di guerra, che dall'incursione tarantiniana in poi, probabilmente non sarà più lo stesso:Pitt, che tuttavia è quasi in secondo piano rispetto alla francese Melanie Laurent, il racconto della cui vendetta come orfana di guerra ebrea è il vero motore della storia, fa una divertita parodia del Lee Marvin di aldrichiana memoria, ma il migliore in campo è l'appunto premiato,il tedesco Christoph Waltz, apparentemente goffo e pronto a tramutarsi in una furia omicida da un fotogramma all'altro.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati