Espandi menu
cerca
Gran Torino

Regia di Clint Eastwood vedi scheda film

Recensioni

L'autore

LucaJazz94

LucaJazz94

Iscritto dal 20 dicembre 2016 Vai al suo profilo
  • Seguaci 3
  • Post 1
  • Recensioni 119
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Gran Torino

di LucaJazz94
10 stelle

Dall'amore Per Un'auto, All'amore Verso L'uomo

Scritto, diretto, interpretato e in parte prodotto da Clint Eastwood, arriva questo notevole Gran Torino, una pellicola che descrive l'America odierna con sguardo realista e critico ma con una dolcezza di quelle vere e sentite.
Il Californiano Eastwood, classe 61, interpreta Walt Kowalski, un patriota americano reduce della guerra in Corea, vedovo ed ex-operaio della Ford. Residente in una abitazione unifamiliare della periferia americana, ormai popolata da immigrati e asiatici, Walt, prova disprezzo in quanto razzista, ottuso e con dei sensi di colpa che si tramutano in odio verso gli altri. Un giorno però, dovrà fare l'incontro con Thao e Sue, figli di una famiglia Hmong (gruppo etnico asiatico che vive principalmente nelle regioni montane della Cina del sud).
Sul fronte tecnico, il film, come ogni lavoro del regista, è sempre fresco e impressionante.

La regia è studiata con inquadrature ferme, carrellate e campi lunghi stupendi. La recitazione di Eastwood è notevole, l'attore ha un'espressività innata. Tra dialoghi intensi e una giusta dose di humor, la sceneggiatura di Nick Shenk risulta ben stesa. La scenografia parla da sola, con riprese di una Detroit tra il decadente e l'affascinante. Per finire, le musiche da lui in parte composte, affidate per la parte orchestrale al figlio Kyle Eastwood e Michael Stevens, sono delicate e dolci. Bella anche la canzone "Gran Torino" interpretata da Jamie Collum.
Tutto, quindi è degno di nota.
Il lungometraggio ha una durata di circa 2 ore (116 min ca.), lunghezza più che adeguata, della quale non c'è un solo momento morto o noioso.
Un film, quindi eccelso, intelligente, sociale, che descrive come il fascismo e il razzismo, siano la rovina umana dell'ignoranza e dell'ottusità mentale.
Un inno alla dignità e alla vita, dai principi, all'uguaglianza, fino alla lealtà e all'amicizia.
Imperdibile.

Voto 9+

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati