Espandi menu
cerca
Gran Torino

Regia di Clint Eastwood vedi scheda film

Recensioni

L'autore

jonas

jonas

Iscritto dal 14 gennaio 2008 Vai al suo profilo
  • Seguaci 164
  • Post -
  • Recensioni 2717
  • Playlist 14
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Gran Torino

di jonas
8 stelle

Un vecchio rompiscatole, fissato con i suoi ricordi da reduce di guerra come neanche John Goodman ne Il grande Lebowski, resta vedovo: figli, nuore e nipoti lo considerano impresentabile, i vicini di casa asiatici lo guardano come una strana bestia, il prete cerca di convertirlo. Eastwood, in quella che sembra destinata a rimanere la sua ultima interpretazione, rifà un altro personaggio nel vecchio stile Callaghan (la battuta “Avete notato che ogni tanto si incontra qualcuno che non va fatto incazzare? Ecco, quel qualcuno sono io” fa degnamente il paio con quella su “noi tre: me, Smith e Wesson”), ossia un lurido razzista che progressivamente si umanizza; poi lo fa morire, con una sorta di sacrificio rituale che mi ricorda quello di Allen in Scoop. Il film è una parabola, toccante e divertente allo stesso tempo, sul superamento delle proprie paure e sull’accettazione delle diversità; un po’ troppo diluito nella parte centrale, dove Eastwood diventa quasi una balia asciutta per il ragazzino, si risolleva in un finale che spiazza e che è il più giusto possibile. Con una morale niente affatto trascurabile: a volte un uomo disarmato ottiene più di un uomo armato.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati