Espandi menu
cerca
Gran Torino

Regia di Clint Eastwood vedi scheda film

Recensioni

L'autore

OGM

OGM

Iscritto dal 7 maggio 2008 Vai al suo profilo
  • Seguaci 199
  • Post 123
  • Recensioni 3120
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Gran Torino

di OGM
8 stelle

L'imperturbabile maschera facciale di Clint Eastwood si deforma in una smorfia di rabbia e di disprezzo, inventando l'icona piccolo-borghese dell'odio irrazionale che si dispensa, in egual misura, a chi ci è molto simile (come i parenti) e a chi è molto diverso (gli immigrati provenienti da altre culture). La rancorosa asocialità di Walt Kowalski è lo star male con se stessi proiettato verso l'esterno, in un astio ed una diffidenza universali, in cui l'ombra nera della propria coscienza eclissa ogni sorgente di calore umano. L'unico possibile riscatto non avviene allora attraverso il pentimento, bensì con la dimostrazione di poter essere qualcuno per il prossimo, e di poter, soprattutto, concretamente rimediare. "Gran Torino" è, a dispetto dei toni abulici e sfumati del solito realismo di provincia,  un film estremo, in cui la vita e la morte sono gli unici poli di riferimento, che giocano a rincorrersi in un freddo scenario fatto di  auto, di arnesi e di pistole; sono questi i simboli di una mascolinità prepotente e armata, ma anche i retaggi fossilizzati di tutte le saghe eastwoodiane, dal poliziesco al western. 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati