Espandi menu
cerca
Mario, il Mago

Regia di Tamás Almási vedi scheda film

Recensioni

L'autore

FilmTv Rivista

FilmTv Rivista

Iscritto dal 9 luglio 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 227
  • Post 80
  • Recensioni 6292
  • Playlist 6
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Mario, il Mago

di FilmTv Rivista
6 stelle

In un villaggio ungherese, poco dopo la caduta del Muro di Berlino, arrivano due italiani. Il primo è Gerardo, tipico connazionale all’estero, che tra carinerie, “cucù” e canzoni di Celentano conquista il cuore dei villici, facendoli lavorare allegramente nel suo calzaturificio. Il secondo è Mario, affascinante e ombroso, del quale si innamora Veronica e mal gliene incoglierà. Nobile negli intenti questa commedia dal finale a sorpresa, drammatico, ma didascalica nei contenuti e anche un po’ fuori tempo massimo rispetto alle tematiche (l’assalto al treno del capitalismo selvaggio a Est, in epoca post-sovietica). Al regista Tamás Almási, celebre documentarista ungherese, va comunque riconosciuto un certo sguardo, la capacità di raccontare un personaggio femminile, Veronica (Júlia Nyakó), che pare uscito da una tragedia greca. La descrizione bozzettistica del villaggio, con i suoi caratteristi e le piccole gag che rendono più stralunata la difficile vita quotidiana, ha una sua forza. Produce Franco Nero (Mario), che si mette in gioco interpretando un personaggio ambiguo. Impagabile invece l’arrivo di Gerardo (Vittorio Marsiglia): Alfetta rosso fuoco, finestrino aperto, Azzurro di Adriano che pompa inesorabile dallo stereo.

 

Recensione pubblicata su FilmTV numero 48 del 2008

Autore: Mauro Gervasini

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati