Espandi menu
cerca
Calvaire

Regia di Fabrice Du Welz vedi scheda film

Recensioni

L'autore

FilmTv Rivista

FilmTv Rivista

Iscritto dal 9 luglio 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 218
  • Post 80
  • Recensioni 6292
  • Playlist 6
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Calvaire

di FilmTv Rivista
8 stelle

Marc è un cantante nomade, si esibisce in case di riposo, intona pop song strappalacrime, invita il vetusto pubblico femminile ad ammirarlo: si vuole oggetto del desiderio, titilla ricordi d’istinti bassoventrali per preservare il proprio triste mercato. Quando finisce in un villaggio di campagna, abitato da soli uomini, le sue misere colpe degenerano nel calvario di pene insostenibili. Lungometraggio d’esordio del belga Fabrice Du Welz, ritorna, come vuole il nuovo orrore francofono, ai luoghi del new horror americano anni 70, alla metafora rappresa in micromondi marginali, sordidi, aberranti, alle torture fisiche come contrappasso di colpe sociali. Qui il fulcro è il maschilismo, che sul maschio si ritorce, brutalmente, trasformandolo in una donna mito anelata e stuprata: tra Psyco e Non aprite quella porta, tra L’ultima casa a sinistra e una versione al netto delle virtù di Justine di De Sade, Calvaire è antintellettuale, violento, regressivo, dramma così fisico da sdegnare la compostezza dei corpi e puntare alla deformazione grottesca, capace di creare tensione continua, immune alla tentazione di ammorbidire nell’ironia, serio anche quando rasenta il ridicolo. Vinyan, l’opera successiva di Du Welz, conferma il regista non come mestierante di genere, ma autore perturbante, primitivo come Dumont, virtuoso come Noè.

 

Recensione pubblicata su FilmTV numero 32 del 2012

Autore: Giulio Sangiorgio

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati