Trama

Zishe è un giovane fabbro ebreo strettamente osservante che abita in un tranquillo sobborgo della Polonia. Durante una prova di forza un impresario tedesco con la vocazione del talent-scout lo nota e gli propone di scritturarlo per uno spettacolo di varietà, portandolo a Berlino dove già aleggia l'ombra del Reich. Ma quando viene il momento di esibirsi di fornte ai gerarchi, la sua coscienza è posta di fronte a una scelta determinante.

Note

Contorto, estremamente simbolico, con recitazioni “fuori sincrono” (dal professionismo accademico di Roth alle improvvisazioni degli altri), molto artificioso anche nella ricostruzione d'epoca. Certo, la vicenda è interessante e il confronto tra due personaggi a loro modo titanici senz'altro “herzoghiano”, ma il respiro, spiace dirlo, è televisivo. Definizione che stride con la nobile carriera del regista.

Commenti (3) vedi tutti

  • Uno dei Giusti, sorriso vergine, muscoli ruspanti, attraversa senza paura la Berlino nazista.  "Salva gli ebrei di Polonia, fratello" "Sorry, I don't speak your language".

    commento di michel
  • Film diviso tra la oleografia romantica e la caricatura volgare. Herzog forse aspira a riprodurre i toni della leggenda, invece sforna un ritratto falsamente retorico e parziale della società tedesca alla vigilia dell'ascesa al potere di Hitler.

    commento di OGM
  • Commovente e scellerato come tutti i migliori Herzog. Visto al Festival del 2001, poi scomparso senza alcuna traccia. speriamo che l'odierna distribuzione non sia un fuoco di paglia.. Le sequenze oniriche e musicali sono impressionanti

    commento di Sexilence
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è sufficiente

bufera di bufera
6 stelle

Ho avuto modo di vedere INVINCIBILE di recente e pur interessata alla complessa personalità e ai molti talenti di Werner Herzog non mi ha convinto.E’ vero che le linee dominanti della sua poetica sono originali e si fondano sulla ricerca di immagini straordinarie non ancora viste, sulla sensibilità al paesaggio che, pertanto, deve sempre cambiare e sulla presentazione di personaggi folli,… leggi tutto

6 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle positive

kotrab di kotrab
8 stelle

Due uomini diversi, tipico tema herzoghiano, si incontrano, sono distanti anche l'uno dall'altro, nella forma come nel contenuto e senz'altro negli scopi, sono entrambi ebrei, collaborano nella illusione dello spettacolo, ma l'uno vuole arrivare ad un futuro sicuro dentro il potere nazionalsocialista, l'altro si scopre nuova Cassandra in veste di Sansone, sostenuto da sensibilità… leggi tutto

2 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle negative

lao di lao
stelle

Il poster del film di Werner Herzog Invincibile, presentato a Venezia 2001 e proposto solo ora agli spettatori italiani durante la stagione estiva, raffigura una sorta di seduta spiritica, con la particolarità però che il fantasma evocato pur con il volto nell’ombra è presenza viva, sta al centro del tavolo e le mani degli anonimi partecipanti al rito si tendono verso le sue: è lui… leggi tutto

3 recensioni negative

2015
2015
locandina
Foto
2014
2014
Nel mese di ottobre questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti
2013
2013

Recensione

chribio1 di chribio1
5 stelle

Parlando di un Film che si basa su fatti veri della II° Guerra Mondiale,ci si aspetterebbe una classica visione dura ma anche purtroppo ripetitiva di campi di concentramento,guerra ed altre barbarie invece qua,non c'e' nulla di questo ed infatti,personalmente,la Pellicola ne risente pur "vivendo" internamente di una particolare Storia vera che non sembra essere pero' molto emozionante.Non…

leggi tutto
Recensione

Recensione

bufera di bufera
6 stelle

Ho avuto modo di vedere INVINCIBILE di recente e pur interessata alla complessa personalità e ai molti talenti di Werner Herzog non mi ha convinto.E’ vero che le linee dominanti della sua poetica sono originali e si fondano sulla ricerca di immagini straordinarie non ancora viste, sulla sensibilità al paesaggio che, pertanto, deve sempre cambiare e sulla presentazione di personaggi folli,…

leggi tutto
Recensione
Utile per 7 utenti
2012
2012

Recensione

mm40 di mm40
4 stelle

Un personaggio 'ai margini', quello di Zishe Breitbart, un altro, l'ennesimo del cinema di Herzog: 'diverso' in quanto ebreo, in quanto smodatamente forte, in quanto dotato di una sensibilità superiore alla norma. Non poteva non catturare l'attenzione del cineasta tedesco, che scrive e dirige la sua storia (lievemente romanzata, ma in sostanza corrispondente a verità) come ritorno al cinema a…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
2011
2011

Recensione

urios di urios
6 stelle

Un giovane fabbro viene arianizzato e trasformato in improbabile teutonico. L’artefice è un mago esaltato il cui scopo è farne uno strumento di persuasione politica (nazista). Ma come dice il mago la verità è quella che non si vede, e lui è abile nelle illusioni, nell’inganno di chi ha di fronte. Hitler è alle porte. Il teatro –…

leggi tutto
Recensione
2010
2010

Recensione

almodovariana di almodovariana
6 stelle

Malgrado il soggetto sia molto interessante, il ritmo un po' lento e i dialoghi un po' scontati non fanno di questo film un capolavoro.

leggi tutto
Recensione
2009
2009

Recensione

kotrab di kotrab
8 stelle

Due uomini diversi, tipico tema herzoghiano, si incontrano, sono distanti anche l'uno dall'altro, nella forma come nel contenuto e senz'altro negli scopi, sono entrambi ebrei, collaborano nella illusione dello spettacolo, ma l'uno vuole arrivare ad un futuro sicuro dentro il potere nazionalsocialista, l'altro si scopre nuova Cassandra in veste di Sansone, sostenuto da sensibilità…

leggi tutto

Magia

Redazione di Redazione

Maghi, fate, fattucchiere. Imbroglioni e iniziati. Potentissimi e ridicoli, spettacolari e nascosti. Di recente - vedi il film su Houdini in sala - la fascinazione dell'incantesimo protonovecentesco ha colpito il…

leggi tutto
Playlist

Recensione

sasso67 di sasso67
4 stelle

Nella vita molte cose cambiano ed è cambiato, purtroppo, anche Werner Herzog, che qui non ritrova la vena felice dei suoi film migliori, quelli degli anni Settanta. Nonostante la perizia formale, questo potrebbe essere il film di un qualsiasi regista europeo oppure americano in gita d'istruzione nel vecchio continente. Di questo film non mi è piaciuto quasi niente. Inutile elencare i pochi…

leggi tutto
Recensione

Migranti

Redazione di Redazione

Ricerca della felicità individuale, fughe da realtà invivibili, esodi di massa in presenza di circostanze drammatiche. L'uomo si mette in movimento, spesso con dolore a volte con gioia e speranza, e lascia la sua…

leggi tutto
Playlist

Recensione

relear43 di relear43
10 stelle

il cinema come arte, è questo l'angolo di visuale il punto cardine con cui osservo e ascolto un film.L'Invicibile ,del grande cineasta tedesco, ha solo un neo, di non esser ancor riuscito a trovare qualcosa che possa annebbiare un fulgido quanto tenero capolavoro artistico cinematografico. Ringrazio il Maestro per avermi donato questo quadro infinito

leggi tutto
2008
2008

Recensione

Cinedelia di Cinedelia
6 stelle

L’occasione per poter esordire con un laconico “meglio tardi che mai” è così evidente che quasi non c’è gusto nel dirlo. Ma in fin dei conti è così. Invincibile è stato presentato al Festival del cinema di Venezia nel 2001. Finito in chissà quale cassetto, dimenticato per sette anni, eccolo spuntare tra i titoli estivi, quasi come a volerlo far passare inosservato. Il bello è…

leggi tutto
Recensione

Recensione

lao di lao
stelle

Il poster del film di Werner Herzog Invincibile, presentato a Venezia 2001 e proposto solo ora agli spettatori italiani durante la stagione estiva, raffigura una sorta di seduta spiritica, con la particolarità però che il fantasma evocato pur con il volto nell’ombra è presenza viva, sta al centro del tavolo e le mani degli anonimi partecipanti al rito si tendono verso le sue: è lui…

leggi tutto

Recensione

FilmTv Rivista di FilmTv Rivista
6 stelle

Continua a far discutere gli storici l'effettiva influenza dell'esoterismo sul nazionalsocialismo e sui suoi principali gerarchi, tra i quali Heinrich Himmler. Nonostante il maggior contributo in materia sia italiano (Hitler e il nazismo magico, di Giorgio Galli, Rizzoli) è soprattutto in Germania che il tema resta incandescente. Lo dimostra questo non recentissimo film di Werner Herzog,…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Uscito nelle sale italiane il 21 luglio 2008
2003
2003
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito