Espandi menu
cerca
Lassù qualcuno mi ama

Regia di Robert Wise vedi scheda film

Recensioni

L'autore

jonas

jonas

Iscritto dal 14 gennaio 2008 Vai al suo profilo
  • Seguaci 163
  • Post -
  • Recensioni 2682
  • Playlist 14
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Lassù qualcuno mi ama

di jonas
6 stelle

Storia vera di Rocco Barbella, cresciuto in un ambiente disastrato, passato da un istituto di correzione all’altro e diventato un campione di pugilato col nome di Rocky Graziano. Parabola esemplare sulla realizzazione del sogno americano, ossia su un individuo che si afferma solo grazie alle proprie capacità lottando contro forze ostili (qui incarnate da un manager disonesto, che ricatta Rocky minacciando di rivelare il suo passato). Oggi appare inevitabilmente risaputo, ma sospetto che già per i canoni dell’epoca fosse un po’ troppo ‘pulito’: non posso fare a meno di confrontarlo con un film analogo ma senza lieto fine come L’idolo delle folle (1942), mentre questo si chiude con la conquista del titolo mondiale (appena attenuata dalla consapevolezza che il successo non durerà per sempre). Discutibile la scelta di un wasp come Paul Newman per interpretare un italoamericano, ma altrettanto innegabili i suoi sforzi per risultare convincente. All’inizio Rocky si comporta come un selvaggio, senza rispetto per nessuno (tranne la mamma), ma il suo cambiamento avviene in modo così graduale da essere credibile: prima capisce che fare a pugni può servire per guadagnare soldi anziché per procurarsi guai, poi si ammorbidisce nei primi goffi approcci con la futura moglie, infine acquista un vero senso di responsabilità con tutto ciò che comporta (allenarsi per vincere, prendersi cura di una famiglia).

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati