Espandi menu
cerca
Harry Potter e il Principe Mezzosangue

Regia di David Yates vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Immorale

Immorale

Iscritto dal 10 agosto 2007 Vai al suo profilo
  • Seguaci 121
  • Post 39
  • Recensioni 385
  • Playlist 20
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Harry Potter e il Principe Mezzosangue

di Immorale
6 stelle

La vita del maghetto occhialuto e dei suoi amici inizia a complicarsi; il sesto anno alla scuola di Hogwarts  è appena iniziato e gli auspici non sono buoni, l’atmosfera è cupa e i nemici/avversari agguerriti. E in più Draco Malfoy si comporta in modo ancora più strano ed ambiguo del solito…



Il (finora) petulante mondo cinematografico di Harry Potter propone un guizzo. Si inizia ad intravedere, finalmente, un accenno di diversificazione dalla stantìa linea programmatica seguita finora dal veterano (della serie) David Yates. La storia permane ancora sugli acquisiti binari  “college teen-movie for magicians” che tanto ha pagato al botteghino, ma ci introduce in ambienti meno rassicuranti e più torbidi: si profila, insomma, la perdita dell’innocenza fanciullesca e l’introduzione nella vita “adulta”. Senza particolari approfondimenti psicologici (il cinema d’autore abita in altri lidi) ma con sufficiente convinzione e con un chiaro cambio di registro. Tutti i personaggi si fanno infatti più interessanti ed iniziano a sviluppare i loro propositi, positivi o negativi che siano, senza più la frustrante e rassicurante “gabbia” sceneggiativa propria delle precedenti prove del maghetto, ovvero: “arrivo a Hogwarts/prime minacce/sviluppo avventuroso/vittoria sofferta su Voldemort/oscuro presagio finale"; gabbia che aveva prodotto una sorta di assuefazione e relegato il prodotto ad una sterile ed, a tratti, noiosa ripetitività.  Il nostro Harry Potter, incantatore dalla faccia da ragioniere e dalla verve da impiegato delle poste, si confronta apertamente con le turbe adolescenziali ed amorose, idilliache in alcuni casi ma qui mostrate come causa di frustrazioni e sofferenze varie. Non mancano momenti di spensieratezza, in ogni modo, ma l’oscurità la fa da padrone in quasi tutte le sequenze, enfatizzata da una fotografia particolarmente smorta e gotica e da situazioni (volutamente) non risolte e lasciate in sospeso. Buono come sempre l’essenziale apporto di tutti i navigati caratteristi/comprimari di contorno, vera spina dorsale, a mio avviso, di tutta la serie.                             

Sulla trama

Dolorosa.

Su David Yates

Rinata.

Su Daniel Radcliffe

Smorto.

Su Rupert Grint

Indeciso.

Su Emma Watson

Triste.

Su Helena Bonham Carter

Macchiettistica

Su Alan Rickman

Sempre più ambiguo

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati