You, the Living

  • Du levande

  • Svezia, Francia, Germania, Danimarca, Norvegia,
  • Genere: Commedia
  • durata 95'

Regia di Roy Andersson

Con Jessica Lundberg, Elisabeth Helander, Björn Englund, Ollie Olson, Kemal Sener, Håkan Angser Vedi cast completo

In streaming
  • Wuaki
  • Chili
  • Wuaki
  • Chili
In STREAMING

Trama

Avvolte dalla nebbia densa e dal grigiore metropolitano si muovono confusamente diverse figure: c'è la giovane maestra che litiga per futili motivazioni con il marito, la ragazzina persa per il giovane musicista, la donna frustrata che sfoga l'insoddisfazione bevendo e accanendosi sul suo compagno...

Note

Un'umanità naufraga e autoironica, il gusto della surrealtà e un tratto al contempo cupo e leggero: l'esordio di Roy Andersson è un saggio di humour nero dagli sfondi quasi monocromatici e dal sapore teatrale. Giovinezza e vecchiaia, amore e morte, il tutto percorso dalle ansie e dalle nevrosi che i personaggi cercano di scrollarsi di dosso con la musica.

Commenti (4) vedi tutti

  • Anderson costruisce le sue pellicole per quadri isolati, vedute del mondo, spazi definiti, personaggi che riassumono il non senso dell'esistenza. Opere sempre di straordinaria rilevanza comunque che formano un mosaico che potremmo definire cinema dell'assurdo quotidiano dal forte retrogusto amaro. Assolutamente da non perdere.

    leggi la recensione completa di spopola
  • Voto 5. Inizio catturante, il surrealismo esistenziale affascina ma poi si entra nella ripetizione e diventa più che altro questione di stile, a tutto danno dei contenuti, alla fine un po’ sbiaditi. [06.09.2009]

    commento di PP
  • stratodermico voto: 7

    commento di kurosawa
  • chiunque non abbia ben chiaro cosa sia il montaggio interno all'inquadratura venga a lezione di roy andersson. alta scuola, ritmi ed umorismo scandinavi non per tutti i gusti.

    commento di corraudo
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

ed wood di ed wood
8 stelle

Imperdibile come ogni opera di questo genio misconosciuto del cinema contemporaneo, "You, The Living" è tuttavia inferiore al capolavoro assoluto "Canti dal secondo piano". Di quest'ultimo vengono riprese le coordinate estetiche e poetiche: fra piglio umoristico, intermezzi musical, inquadrature immobili, scenografie stilizzate, fotografia plumbea, garbato estro visionario, cura maniacale del… leggi tutto

6 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

mm40 di mm40
6 stelle

Sì, bello. Ma: già visto. Andersson ha avuto un colpo di genio (e l'ha intitolato World of glory, cortometraggio uscito nel 1991); l'ha persino migliorato dandogli una forma di lungometraggio e atmosfere e caratterizzazioni e dialoghi ancora più ansiogeni - in realtà tragicomici, perchè la componente ironica è sempre alta nei suoi lavori e non viene mai… leggi tutto

2 recensioni sufficienti

Recensioni
2016
2016
2014
2014
Trasmesso il 14 aprile 2014 su Rai Movie

Recensione

ed wood di ed wood
8 stelle

Imperdibile come ogni opera di questo genio misconosciuto del cinema contemporaneo, "You, The Living" è tuttavia inferiore al capolavoro assoluto "Canti dal secondo piano". Di quest'ultimo vengono riprese le coordinate estetiche e poetiche: fra piglio umoristico, intermezzi musical, inquadrature immobili, scenografie stilizzate, fotografia plumbea, garbato estro visionario, cura maniacale del…

leggi tutto
locandina
Foto
2011
2011

Recensione

mm40 di mm40
6 stelle

Sì, bello. Ma: già visto. Andersson ha avuto un colpo di genio (e l'ha intitolato World of glory, cortometraggio uscito nel 1991); l'ha persino migliorato dandogli una forma di lungometraggio e atmosfere e caratterizzazioni e dialoghi ancora più ansiogeni - in realtà tragicomici, perchè la componente ironica è sempre alta nei suoi lavori e non viene mai…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
2009
2009
Nel mese di maggio questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti

Recensione

OGM di OGM
8 stelle

La musica, lei, è l'unica certezza, nella bislacca natura della vita: il dolore non turba la sua armonica bellezza, né le incongruenze degli eventi ne intaccano la sublime perfezione. Il suo ritmo si posa imperturbabile, sugli istanti della nostra esistenza, che è sghemba come le prospettive di un quadro surreale, e scialba come una tinta pastello annacquata. È sempre…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti
2008
2008

Gioisci dunque, o vivente.

ROTOTOM di ROTOTOM

Invece di uscire, gioisci. Si sparla tanto della crisi del cinema, aria tra i denti nel definire colpe con la precisione di un boia libero professionista. Mi sto chiedendo con sempre più stupore se la crisi non sia …

leggi tutto
Playlist
2007
2007

Recensione

ROTOTOM di ROTOTOM
8 stelle

Cinquanta piccoli quadri di storie che mimetizzano nel non sense i macroscopici disagi della vita, colori virati verso l’azzurro e il verde, città grigie, istantanee di naive infelicità. Andersson, teorico del “cinema del trivialismo” è anticonvenzionale non narratore ed anarchico vate dell’ incoerenza o della coerenza della non narrazione. Bisogna abbandonarsi al surreale senza…

leggi tutto
Nel mese di novembre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Recensione

fefy di fefy
6 stelle

La ricerca del grottesco è riuscita, l'atmosfera rarefatta è ben fotografata. I volti per descrivere le miserie dell'umanità sempre in bilico tra il tragico ed il comico, sono perfetti. Eppure il film nel giro di un quarto d'ora perde la sua freschezza, si riavvolge su se stesso e alla fine annoia.

leggi tutto
Recensione

Recensione

ondecorte di ondecorte
8 stelle

Artica "sit-com" d'autore composta di surreali micro-storie e frammenti tragicomici: dispetti di condominio, dipendenze alcooliche, sogni ricorrenti, minuscole meschinità e incoerenze quotidiane svelate in punta di piedi. Un universo urbano ipergrottesco osservato con arguzia, ironia e un pizzico di malinconico silenzio. Andersson strizza l'occhio a Kaurismaki e a Tati ma lascia una firma molto…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti

Recensione

FilmTv Rivista di FilmTv Rivista
8 stelle

Che bella sorpresa! Un film di Roy Andersson! Facciamo le presentazioni: svedese, classe 1943, esordio con Una storia d'amore (1969); lavora in pubblicità: ed è bravissimo; secondo film: Giliap (1975); poi un silenzio di 25 anni, interrotto soltanto da due corti memorabili: È successo qualcosa (1987) sull'AIDS, e Mondo di gloria (1991) che si trova in dvd in un'antologia di corti europei. Nel…

leggi tutto
Recensione

Recensione

spopola di spopola
8 stelle

Un film, quello di Roy Andersson, che mette alla berlina i paradossi surreali dell’esistenza. Metafisico e astratto, crudele e al tempo stesso giocosamente grottesco, è una straordinaria ed affascinante sarabanda sul senso della vita, quasi un “finale di partita” che non ha “giorni felici” da rappresentare e ricordare nel quale vengono rispecchiati - proprio…

leggi tutto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito