Espandi menu
cerca
Leoni per agnelli

Regia di Robert Redford vedi scheda film

Recensioni

L'autore

will kane

will kane

Iscritto dal 24 giugno 2002 Vai al suo profilo
  • Seguaci 81
  • Post 6
  • Recensioni 4131
  • Playlist 23
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Leoni per agnelli

di will kane
8 stelle

Lo ricordo come fosse ora, era Gennaio di sedici anni fa, e tutti i paesi dell'Occidente si accingevano a intraprendere la prima Guerra del Golfo, facevo il militare e parlavo con mio padre con convinzione della giustezza delle motivazioni dell'Alleanza contro Saddam Hussein: fu allora che mi disse "Vedi, Mussolini una volta disse che aveva bisogno di qualche migliaio di morti per sedermi al tavolo della pace. Non vorrei che questa gente fosse di questo avviso...". Durante i bombardamenti sull'Iraq questa considerazione mi fece pensare tanto,a quella povera gente sotto una pioggia di morte, a quei disgraziati oppressi da un regime e poi schiacciati dalla bellicosa affermazione di potenza dell'Occidente :e delle più recenti guerre dell'America parla il nuovo film di Robert Redford , che schiera nel cast, oltre al proprio autore, altri due assi come Meryl Streep e Tom Cruise, non è stato molto apprezzato in patria, e ci sono stati più recensori anche qui da noi che lo hanno accolto a dir poco freddamente. E invece, concordo con Roberto Nepoti che dalle pagine di "Repubblica" ha parlato bene di questo concept-film , lungo manco un'ora e mezza, che si permette di elaborare un quadro straordinario del momento storico affatto bello che si sta vivendo. Nel serrato montaggio alternato tra il colloquio-lezione di vita che il docente universitario , antico idealista tiene con un allievo ex-promessa che sprofonda nel cinismo preconfezionato delle ultime generazioni e quello tra il senatore Cruise,ultrafalco e abilissimo nel vendere motivazioni delle guerre fino all'exploit di un attacco nucleare e la giornalista in crisi di coscienza Streep, fa da collante la drammatica storia degli ex-allievi del professore assediati in Afghanistan e avviati alla morte. "Leoni per agnelli" è un'opera densissima, fatta di dialoghi ficcanti, un tris di prove eccellenti delle star in gioco, e non è vero che racconti in fondo cose risapute, oppure si risolva nell'ennesima celebrazione dei valori d'America. E' un modo ottuso di definirlo, è la dichiarazione pratica di non averlo letto a fondo: l'analisi sostiene che l'Impero è messo male, le generazioni passate si sono perse , gli attuali centri di potere sono a un passo piccolo dall'inumanità, e i ragazzi di oggi sono addomesticati da una brutta tv che evidenzia le cazzate continuamente e fa scorrere in basso le notizie importanti. L'incitazione , per tutti, a dare un contributo effettivo per invertire la rotta è poderosa, per evitare una deriva distruttrice: sarà un lascito mirabile per questo grande di Hollywood, così come per il sottoscritto quella scheggia di perplessità instillata da un genitore intelligente mi insegnò a leggere più in profondità gli eventi, e considerare le diverse facciate delle cose.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati