Espandi menu
cerca
Mongol

Regia di Sergei Bodrov vedi scheda film

Recensioni

L'autore

daniele64

daniele64

Iscritto dal 17 agosto 2017 Vai al suo profilo
  • Seguaci 13
  • Post -
  • Recensioni 648
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Mongol

di daniele64
7 stelle

I leggendari esordi di un predestinato ...

L' infanzia leggendaria , l' insolente coraggio ,  la ferrea determinazione e le prime imprese guerresche di colui il quale sarebbe diventato il più grande conquistatore di tutti i tempi , Gengis Khan . Questo film doveva essere il primo capitolo di una trilogia sulla vita del condottiero mongolo , ma gli episodi successivi non sono stati ancora girati a distanza di oltre 10 anni ... Forse perchè , nonostante buone critiche e premi vari , l' accoglienza al botteghino non è stata abbastanza confortante , per questa insolita coproduzione russo - tedesco - mongolo - kazaka . Eppure non mi è parso un brutto film , anzi . La cosa più bella sono indubbiamente gli straordinari paesaggi naturali ,  fotografati così magnificamente da rendere persino attraenti le desolate lande della Mongolia . Poi c' è l' incredibile storia d' amore tra Temugin e Borte , che è quasi il filo conduttore della pellicola , più forte di tutti gli ostacoli e le traversie che il destino pone sul loro cammino . E siccome dietro ad un grande uomo c' è sempre una grande donna , anche Borte dimostra di avere le " gambe forti " ed un' invincibile ostinazione . Discutibili possono invece essere considerati certi salti temporali un po' esagerati tra una scena e l' altra , che possono complicare la comprensione del corso degli  eventi . Oppure la ricostruzione di certi combattimenti , con tattiche strambe e dissennate , mentre è noto che la fama militare dei Mongoli era dovuta principalmente alla sensazionale abilità dei loro arcieri a cavallo ( che qui in pratica non si vedono ! ) . Il cast , per quanto sconosciuto ( a parte il giapponese Tadanobu Asano ) , fa un buon lavoro . Pure il regista russo Sergei Bodrov  non se la cava male  e , anche se eccede in qualche spettacolarizzazione di troppo , mi ha vagamente ricordato certo cinema sovietico dei tempi d 'oro , in cui l' eroico protagonista si impone grazie all' implacabile fiducia  nel destino , che non può che arridere a chi lotta per i propri ideali .  Per me , vale un 7 .

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati