L'innocenza del peccato

Regia di Claude Chabrol

Con Ludivine Sagnier, Benoît Magimel, Mathilda May Vedi cast completo

Questo film non è disponibile. Prenotalo o aggiungilo alla tua Watchlist.

Trama

La splendida Gabrielle ambisce a salire nella scala sociale sfruttando il proprio fascino: si ritrova sposata a Paul, miliardario psicolabile e geloso, ma è innamorata di Charles, scrittore ambiguo e perverso...

Note

Il film è ispirato a un fatto di cronaca che nel 1906 coinvolse Stanford White, l'architetto del Madison Square Garden: una storia "sporca", raccontata senza moralismi ma con un alto senso della morale. Maestro di eleganza, sornione, indignato ma senza fronzoli, Chabrol continua a stupire e ad avvincere: e propone frecciate sarcastiche un po’ su tutto, anche sui dibattiti televisivi e sui salotti nei quali si intervista l’intellettuale di turno.

Commenti (5) vedi tutti

  • Prodotto medio di Chabrol con zampate di talento e un soggetto interesssante, ma anche una scrittura troppo semplicistica. 6+ MEDIO

    leggi la recensione completa di luca826
  • Infantilmente provocatorio, vacuamente pseudoerotico, praticamente insensato. Opera di cui la storia del cinema poteva tranquillamente fare a meno. Irritante.

    commento di satura
  • Film drammatico di gran classe

    commento di almodovariana
  • Ennesimo ritratto in nero non più e non solo di una classe sociale, ma di singli individui e singoli destini. Niente di memorabile, ma qualche unghiata del maestro Chabrol graffia ancora.

    commento di HarryLime
  • Uno spaccato di squallida e meschina umanità nascosta dietro eleganti convenzioni e cinismi ben mascherati. Un film non particolarmente bello, ma come quasi tutti i film di Chabrol godibile e ben girato.

    commento di fefy
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

maghella di maghella
8 stelle

Premessa: i film che ho visto di Chabrol mi piacciono tutti. Chabrol ha fatto 58 film, io ne ho visti una quindicina, quindi posso davvero dire di non avere un quadro completo della sua carriera, ma quello che ho visto mi è sempre piaciuto, anche nei film così detti «minori», mi piace anche in quelli riusciti meno. La storia di questo suo penultimo film è alquanto banale e scontata.… leggi tutto

9 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

luca826 di luca826
6 stelle

Chabrol al minimo sindacale finisce il compitino con la consueta professionalità, senza infamia e senza lode, se non fosse per la sublime scena finale. Per la serie la classe non è acqua... La storia è abbastanza semplice, rappresentando l'emergenza comunicativa nella visione delle frustrazioni, le problematiche dell'invecchiamento sulle persone. La passata gioventù… leggi tutto

10 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

mm40 di mm40
4 stelle

"Chabrolismo" di modesta fattura, questo L'innocenza del peccato, che tutto si risolve già nel titolo: vuoi per la banalità della sua composizione (un ossimoro di non particolare originalità), vuoi per il riferimento esplicito alla capacità tipica del regista - e presente anche in questo film - di raccontare difetti, colpe e limiti umani di tutti i suoi personaggi. Nessuno escluso e tutti… leggi tutto

8 recensioni negative

2018
2018

Recensione

luca826 di luca826
6 stelle

Chabrol al minimo sindacale finisce il compitino con la consueta professionalità, senza infamia e senza lode, se non fosse per la sublime scena finale. Per la serie la classe non è acqua... La storia è abbastanza semplice, rappresentando l'emergenza comunicativa nella visione delle frustrazioni, le problematiche dell'invecchiamento sulle persone. La passata gioventù…

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti
2016
2016
Nel mese di aprile questo film ha ricevuto 6 voti
vedi tutti
2015
2015
Ludivine Sagnier
Foto

Recensione

Aldom di Aldom
3 stelle

Noioso. Non il più noioso che abbia visto, ma si difende bene. Non ho niente contro i film con trama esile, o anche senza trama, ma che ci sia un minimo di coinvolgimento emotivo ... questo film non mi dà proprio nulla, nessuna emozione, nessun sentimento ... nemmeno la curiosità di sapere come va a dinire. L'unico sentimento che ho provato è stato il desiderio che…

leggi tutto
Recensione
Nel mese di dicembre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
2014
2014

Recensione

jonas di jonas
8 stelle

La rivalità amorosa fra un vecchio scrittore vizioso e un figlio di papà, che si contendono una ninfetta televisiva, sfocia in tragedia. Nei suoi ultimi anni Chabrol, con una filmografia ipertrofica e una tematica monocorde, aveva da tempo saturato l’orizzonte di attese del pubblico; qui però trova quasi in extremis il guizzo, la zampata del maestro. Evoca il solito…

leggi tutto

Recensione

uccio di uccio
6 stelle

Penultimo film di Claude Chabrol che arriva tre anni prima della sua dipartita, L'innocenza del peccato affronta ancora una volta alcuni dei temi tanto cari al regista parigino. Ed è quindi ancora una volta la borghesia francese, quella buona, a nascondere vizi e segreti che vanno a intaccare la facciata esteriore e di maniera che la posizione sociale impone. In questo…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
2013
2013

Recensione

maghella di maghella
8 stelle

Premessa: i film che ho visto di Chabrol mi piacciono tutti. Chabrol ha fatto 58 film, io ne ho visti una quindicina, quindi posso davvero dire di non avere un quadro completo della sua carriera, ma quello che ho visto mi è sempre piaciuto, anche nei film così detti «minori», mi piace anche in quelli riusciti meno. La storia di questo suo penultimo film è alquanto banale e scontata.…

leggi tutto

Recensione

contemalfido di contemalfido
8 stelle

Vedo che il film ha riscosso giudizi diametralmente opposti, che rispetto e perciò non mi schiero: il discorso sarebbe troppo lungo e non è detto che sarebbe convincente. Ne propongo quindi una lettura puramente tecnica: il film -lo dico a chi vuol FARE cinema- è di quelli che vanno studiati nei più piccoli dettagli.

leggi tutto
Recensione

Recensione

chribio1 di chribio1
5 stelle

Mah,Film che non convince per nulla,infatti non so' se tenerlo completamente o meno.Da salvare solamente,secondo me,certe parti sexy della biondina (la Sagnier) e qualche passaggio della sempre splendida Mathilda May (ormai abbastanza dimenticata dai piu') ! voto.5.

leggi tutto
Recensione
2012
2012

Recensione

mm40 di mm40
4 stelle

"Chabrolismo" di modesta fattura, questo L'innocenza del peccato, che tutto si risolve già nel titolo: vuoi per la banalità della sua composizione (un ossimoro di non particolare originalità), vuoi per il riferimento esplicito alla capacità tipica del regista - e presente anche in questo film - di raccontare difetti, colpe e limiti umani di tutti i suoi personaggi. Nessuno escluso e tutti…

leggi tutto
2010
2010
Nel mese di agosto questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Recensione

leporello72 di leporello72
6 stelle

Non il miglior film di Chabrol ma comunque di gran classe. I temi e i protagonisti sono già noti a chi conosce la sua filmografia e a essere proprio critici si può dire che non aggiunge nulla di nuovo a una produzione già estesa e di grande qualità. Tuttavia, se non si trattasse di Chabrol, si sarebbe forse portati a dare un giudizio migliore di un film equilibrato,…

leggi tutto
Recensione

Recensione

supadany di supadany
8 stelle

Il triangolo amoroso, anzi meglio dire il triangolo del desiderio, è l’oggetto fondamentale di questo film di Claude Chabrol. Al centro una splendida e giovane ragazza, intorno un vecchio scrittore intellettuale amante delle belle donne e del sesso di gruppo, ed un ruspante figlio di papà dedito solamente ad ottenere tutto ciò che vuole, oltre che nemico dichiarato…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
2009
2009

Recensione

Peppe Comune di Peppe Comune
6 stelle

Gabrielle (Ludivine Sagner), che lavora come presentatrice televisiva del meteo, è corteggiata da Paul (Benôit Magimel), giovane rampollo di una ricca famiglia, ma si  innamora di Charles (François Berléan), scrittore di successo e felicemente sposato. Da questo strano triangolo amoroso scaturiranno fatti dagli esiti imprevisti.     "La filèe…

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti

Recensione

perunavolta di perunavolta
4 stelle

E' la terza versione, per quel che ne so io, della medesima storia. Per me, la peggiore, soprattutto perche' non mi sono piaciuti i due interpreti principali: lei, una biondina , carina, certo, ma  anonima e slavatissima. Lui, lo scrittore di una certa eta' , che ha solo una certa eta' ed è porcellino e scorretto, mentre dovrebbe essere veramente affascinante; ma si parla di…

leggi tutto
Recensione

Recensione

yed di yed
2 stelle

Che delusione! Dialoghi spaventosi, pieni di ridondanze e pleonastici, approfondimento psicologico inesistente, vertiginosi mutamenti di sentimenti nello spazio di 30 secondi, finale che non si sa come definire, se comico o tragicomico....Due ore buttate via....

leggi tutto
Recensione

Recensione

ethan di ethan
6 stelle

Opera non certo memorabile di Chabrol: storia interessante, anche con due bei colpi di scena, ma messa in scena senza passione e personaggi irritanti. L'unico momento sentito è il sorprendente racconto della madre sull'episodio dell'infanzia del figlio, che ha segnato la sua vita. Tra gli interpreti, a mio avviso, il migliore è Benoit Magimel, l'attore che interpreta lo scrittore mi sembra…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti

Recensione

toni70 di toni70
8 stelle

Voto 7; Un film in cui l'amore dovrebbe essere al centro del tutto, ma che circondato da tutte le degenerazioni e le impurità che lo pervadono finisce per perdere la sua purezza. L'amore della giovane ragazza per il maturo scrittore sembrerebbe puro, quello per il rampante ereditiero insano e inopportuno, quella per la moglie opportunista e quello per Mathilda May, bella e fascinosa editrice,…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti

Recensione

bradipo68 di bradipo68
8 stelle

Anche il peccato è una forma d'arte.Un titolo originale che si concretizza visivamente nel finale ma aleggia metaforico per tutto il corso del film.E la traduzione italiana del suddettto titolo come al solito tradisce lo spirito dell'autore.Aspirante soubrettina televisiva confinata a leggere le notizie metereologiche conosce maturo scrittore che la seduce.D'altra parte la vivace donzella a cui…

leggi tutto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito