Espandi menu
cerca

Trama

Una notte, Maloin, lo scambista di una ferrovia portuale, assiste non visto a un omicidio e recupera una borsa piena di soldi. Così comincia il suo incubo.

Commenti (6) vedi tutti

  • L'abissarsi nella luce panica del noir in una zona (come in Simenon) privata del superfluo, oltre la morale, senza epifanie. La dolorosa consuetudine dell'ordinamento umano che, orfano di dottrina e controllo, sfrutta l'umano. La Storia, in tempi di crisi perpetua sempre pronta a incoronare Pétain a Vichy, scorre invisibile e determina inesorabile.

    leggi la recensione completa di mck
  • Mattonata minimalista ungherese di una lentezza esasperante per di più in bianco e nero, inquadrature statiche, atmosfere a volte sulfuree, un film di concetto senza alcuna parvenza di suggestionalità. INGUARDABILE.

    commento di Utente rimosso (Pandacattivo)
  • Come  ha già detto Zombi, meno  male che esiste il fa

    commento di wang yu
  • Voto 6. [07.04.2012]

    commento di PP
  • cosa ne penserebbe Simenon, autore dell'omonimo romanzo? All'inizio c'è la fedeltà a una tensione che riconosco nel testo, ma poi le azioni di Tarr divengono rarefatte, sospese, assenti.

    commento di urios
  • Il film più bello, tra i nuovi, del 25 Torino Film Festival

    commento di ty
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

mck di mck
9 stelle

    ...che poi sarebbe l'uomo ( il Commissario dedicato ) dell'uomo di Londra, Mr. Mitchell.   Simenon a Dieppe ( location Corse ( Bastia ) ed est europee ), dove Montgomery ( immensamente più volpe, lupo, lince, aquila di Rommel ) non fallì il raid però solo perché non poté, trasferito sul fronte Nord Africano a far man bassa d'italiani… leggi tutto

10 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

EightAndHalf di EightAndHalf
6 stelle

Più che in altri film, in L'uomo di Londra Béla Tarr ha paura del buio, quello della notte spezzata da luci fisse e freddamente bianche, fasci di luce "visiva" che si specchiano su un mare che da subito diventa tomba. Tarr ha paura di quei momenti neri e ciechi dovuti alle intersezioni delle vetrate da cui lui come Maloin osserva la vita sospesa del mondo, mentre scivola da un punto all'altro… leggi tutto

2 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

zombi di zombi
4 stelle

io vorrei che ci fosse la possibilità di non mettere un giudizio. ma non perchè io provi soggezione al cospetto di certi registi come tarr, solo perchè il modo di vedere il cinema di tarr e il mio sono talmente lontani, che non c'è proprio possibilità si avvicinino. ha di bello tarr che per buona metà i suoi film te li puoi vedere col fast forward che non ti perdi niente se non minuti di… leggi tutto

2 recensioni negative

2021
2021

Dispersi (Libro)

coldbici di coldbici

Non è assolutamente farina del mio sacco.....bensì degli autori Alberto Brumana, Carlo Prevosti, Sara Segrati e Marco Valsecchi, che nel 2010 pubblicarono un libro intitolato appunto "D!spersi - Guida ai…

leggi tutto
Playlist
2017
2017

Recensione

Tetsuo35 di Tetsuo35
10 stelle

Tarr si confronta con il genere noir confermando la sua inarrivabile maestria.      I personaggi si muovono all'interno di elaboratissimi piani sequenza geometrici e privi di qualsivoglia casualità (ogni taglio di inquadratura è perfetto e ogni granello di polvere è studiato e al suo posto) e dove è il suono a dettare il tempo con una…

leggi tutto
Recensione
Utile per 10 utenti
2016
2016

Recensione

ethan di ethan
8 stelle

Un uomo (Miroslav Krobot), che lavora come addetto agli scambi in una stazione ferroviaria vicina ad un porto, assiste all'omicidio di una persona e arriva a possedere una valigia piena di soldi. 'L'uomo di Londra' è - fino ad ora - il penultimo film di Bela Tarr ed è ispirato all'omonimo romanzo di Georges Simenon, ma il cinema dell'autore ungherese, pur partendo da un testo…

leggi tutto
2015
2015

Recensione

Tex61 di Tex61
9 stelle

  Trasposizione cinematografica di un romanzo di Simenon (che non ho letto), L’uomo di Londra rappresenta le fragilità umane inserite comunque in un quadro di complessivo dramma esistenziale tipico del regista ungherese. Nello specifico le umane debolezze sono tentate, nel protagonista, da un’ingente somma di denaro “sporco” che potrebbe ridisegnare le sorti…

leggi tutto
Nel mese di giugno questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti
2014
2014
Nel mese di aprile questo film ha ricevuto 6 voti
vedi tutti

Recensione

Peppe Comune di Peppe Comune
8 stelle

Maloin (Miroslav Krobot) lavora come manovratore in una stazione portuale. Una notte, mentre è di turno, assiste dalla sua postazione ad una lite tra due uomini che si contendono una valigia. La lite sfocia in omicidio, la valigia termina in acqua  e l'assassino (Jànos Derzsi) fugge via. Maloin scende a recuperare la valigia e scopre che è piena di soldi. Potrebbe…

leggi tutto

Recensione

chribio1 di chribio1
3 stelle

A dirla tutta la lettura della Trama sembrava poter porgerci in visione un Film almeno piu' interessante dei soliti Filmoni stralunati e difficili da capire sempre in b/n di Bela Tarr ma purtroppo vengo smentito dai fatti : sempre la solita minestra lento/soporifera e lungaaa.voto.3.

leggi tutto
Recensione
2013
2013

Recensione

EightAndHalf di EightAndHalf
6 stelle

Più che in altri film, in L'uomo di Londra Béla Tarr ha paura del buio, quello della notte spezzata da luci fisse e freddamente bianche, fasci di luce "visiva" che si specchiano su un mare che da subito diventa tomba. Tarr ha paura di quei momenti neri e ciechi dovuti alle intersezioni delle vetrate da cui lui come Maloin osserva la vita sospesa del mondo, mentre scivola da un punto all'altro…

leggi tutto

Recensione

Crimson King di Crimson King
10 stelle

"L'uomo di Londra" è uno dei miei film preferiti del regista ungherese Béla Tarr. La ritengo un'opera parecchio sottovalutata e purtroppo troppo poco vista qui da noi. La distribuzione italiana se ne è ovviamente dimenticata - leggerezza che abbraccia ahinoi tutto il cinema di Tarr e parzialmente riparata dalle distribuzioni homevideo - ma non si può non parlare di quello che non è un…

leggi tutto
scena
Foto

Recensione

zombi di zombi
4 stelle

io vorrei che ci fosse la possibilità di non mettere un giudizio. ma non perchè io provi soggezione al cospetto di certi registi come tarr, solo perchè il modo di vedere il cinema di tarr e il mio sono talmente lontani, che non c'è proprio possibilità si avvicinino. ha di bello tarr che per buona metà i suoi film te li puoi vedere col fast forward che non ti perdi niente se non minuti di…

leggi tutto
2012
2012

Che cos'è il denaro?

Tommy Spasmo di Tommy Spasmo

Il cinema che riflette sul denaro, e sulle sue capacità corruttorie. Quattro metafore dell’animo umano logorato dal denaro, che diventa una sorta di amplificatore degli istinti violenti (più o meno) nascosti in…

leggi tutto
Nel mese di giugno questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Recensione

mck di mck
9 stelle

    ...che poi sarebbe l'uomo ( il Commissario dedicato ) dell'uomo di Londra, Mr. Mitchell.   Simenon a Dieppe ( location Corse ( Bastia ) ed est europee ), dove Montgomery ( immensamente più volpe, lupo, lince, aquila di Rommel ) non fallì il raid però solo perché non poté, trasferito sul fronte Nord Africano a far man bassa d'italiani…

leggi tutto

Recensione

Argan di Argan
6 stelle

Un uomo, con moglie e figlia ed economicamente instabile, assiste ad un omicidio e recupera la valigetta oggetto della lite, piena di denaro, ha così l'occasione di cambiare la propria vita, ma sarà oppresso dalla presenza del proprietario della valigetta che sembra aver intuito tutto. "L'uomo di Londra" è composto da un insieme di artistici lunghissimi piani sequenza, anche della durata di…

leggi tutto
Recensione

Tilda

angelina di angelina

"Lo spessore di una lama basta a separare la malinconia dalla felicità"  ( "Orlando") Icona di femminilità androgina e intellettuale,attrice coraggiosa e di straordinario talento,sempre alla ricerca di nuove sfide…

leggi tutto

Recensione

ed wood di ed wood
9 stelle

Bela Tarr, uno dei maggiori registi viventi (ahimè ritiratosi lo scorso anno), compie una memorabile incursione nel noir. Lontano dalle desolate lande magiare, affronta una sceneggiatura palesemente stereotipata, nonostante la nobile fonte (Simenon), e realizza quello che si dice "un film di regia". Nell'esporre, con tutta la calma meticolosa tipica del suo cinema, la più classica del trame…

leggi tutto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito