Espandi menu
cerca
Gli innocenti

Regia di Per Fly vedi scheda film

Recensioni

L'autore

mm40

mm40

Iscritto dal 30 gennaio 2007 Vai al suo profilo
  • Seguaci 148
  • Post 16
  • Recensioni 9959
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Gli innocenti

di mm40
3 stelle

Un professore universitario abbandona improvvisamente moglie e figlio per stare con una sua studentessa. La ragazza è un'estremista politica nelle cui idee l'uomo si ritrova, pur non avendo il coraggio di abbracciarle. Ma quando la giovane prende parte a un attentato che causa la morte di un poliziotto, la situazione già tesa precipita del tutto.

 

La panchina (2000), L'eredità (2003) e Gli innocenti (2005) costituiscono una trilogia nella quale il regista Per Fly ha voluto esplorare, toccando soprattutto aspetti controversi o sgradevoli, le tre macrofasce sociali danesi: la bassa nel primo film, l'alta nel secondo e qui, ne Gli innocenti, la media. Se il precedente L'eredità aveva conferito a Fly una certa notorietà in campo internazionale, questa volta nè critica, nè pubblico sono stati concordi nel decretare la riuscita del suo lavoro; questa pellicola gioca maggiormente sugli aspetti psicologici e sugli intrecci emotivi dei (e fra i) personaggi in scena e ciò è essenzialmente il primo e più difficile ostacolo che si pone di fronte allo spettatore. Anche il ritmo latitante non aiuta e, se si vuole, la scelta di girare la maggior parte del lavoro in atmosfere cupe o semplicemente buie è un fattore ostico in più. Per la sceneggiatura Fly si è fatto aiutare, come nei due precedenti film, da Kim Leona e, come per L'eredità, da Mogens Rukov e Dorthe Hogh. Jesper Christensen è richiamato al centro del cast, come per il primo capitolo della trilogia (mentre nel secondo era relegato in un ruolo laterale); al suo fianco qui compaiono, fra gli altri, Thomas Voss, Charlotte Fich, Pernilla August, Beate Bille e Mads Ville. Interessante l'idea di proiettare le crisi personali delle figure umane al centro della storia su uno scenario socio-politico ben più ampio e significativo; ciononostante pare manchi il giusto approfondimento concreto, che forse, d'altronde, avrebbe trasformato il film in qualcos'altro. 3,5/10.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati