Espandi menu
cerca
Lady Vendetta

Regia di Chan-wook Park vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Kurtisonic

Kurtisonic

Iscritto dal 7 agosto 2011 Vai al suo profilo
  • Seguaci 88
  • Post 2
  • Recensioni 413
  • Playlist 4
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Lady Vendetta

di Kurtisonic
10 stelle

La terza parte della trilogia della vendetta denota un cambio di registro che riesce a mettere insieme quelle componenti visive e di genere dei due lavori precedenti,  e approfondisce decisamente l’introspezione psicologica. Lady vendetta è soprattutto la raffigurazione  della redenzione della protagonista, che attraverso il compimento del suo disegno completerà un viaggio espiatorio che la trasformerà da entità santificata e pura (perché così appare agli occhi delle compagne di detenzione, allo sguardo torbido dei media e alla sua ingenua coscienza), ad essere umano, reale e vissuto. Il regista coreano Park Chan-wook lavora sulla formalizzazione dei linguaggi, mantiene vivi gli stereotipi noir, del melò, della tragedia e del pulp. Ne scaturisce una soluzione estetica fra le più interessanti degli ultimi anni, realizza una vicenda dai contenuti intensi e stilizzati con una solidità inscalfibile, e pur contenendo sfumature assai complesse possiede un ritmo serrato e intriso di un senso di sollievo e di umana leggerezza con cui  determinate tematiche solitamente non sono compatibili. La giovane Geum-ja esce di galera dopo tredici anni, ingiustamente accusata di omicidio, il film si snoda attraverso flashback, visioni,  e destrutturazioni visive lungo la strada che porterà la ragazza alla realizzazione della sua vendetta. Con mano raffinata e originale il regista costruirà un percorso di consapevolezza nella protagonista  che pur decisa nella sua missione constaterà che la vendetta non cancella il dolore, può essere una ridistribuzione delle sofferenze, e nella seconda parte del film, quando la scena perde in luminosità, in artificiosità creativa della narrazione e diventa oscura e presagio rituale, si sviluppa l’impossibilità di una riconciliazione totale e di una purificazione attraverso un atto di giustizia, che in piena atmosfera simile alla tragedia greca coinvolgerà tutti i personaggi fino ad arrivare alla coscienza degli spettatori. Anche se ogni singola sequenza è un capolavoro di inventiva, scene quali quella che apre il film, i flashback con le storie delle compagne di prigione, e il messaggio d’amore di Geum-ja alla propria figlia tradotto dal vero assassino, sono destinate a rimanere indelebilmente impresse nello spettatore. Ritornando al prefinale, durissimo, oscuro e ripugnante: il regista nonostante la rappresentazione esplicita riesce a tenere fuori un completo coinvolgimento emotivo, fa compiere alla storia e a chi la guarda un balzo in avanti e anziché filmare insensatamente l’atrocità fino in fondo, la proietta già a svilupparne le conseguenze. Per una volta, il dolce amaro happy end  è necessario,  ci voleva proprio.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati