Espandi menu
cerca
Lady Vendetta

Regia di Chan-wook Park vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Immorale

Immorale

Iscritto dal 10 agosto 2007 Vai al suo profilo
  • Seguaci 121
  • Post 39
  • Recensioni 385
  • Playlist 20
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Lady Vendetta

di Immorale
10 stelle

Una donna, Geum-ja,  esce dal carcere dopo una detenzione di 13 anni, un coro di babbi natale, guidati da un insistente parroco dalla ridicola capigliatura, la aspetta al varco con in mano un piatto di tofu bianco, simbolo di purezza, da ingurgitare  per rigettare il male ed abbracciare la vera fede. Lei li guarda àttonita e poi manda il prete a quel paese, dicendo di non farsi vedere mai più.
La maestria registica e sceneggiativa di Park Chan Wook lascia di stucco: una sicurezza ed una pienezza che annichilisce la maggior parte dei verbosi registi d’oltreoceano. Non una parola fuori luogo, un’immagine forzata o ripetuta nel suo cinema, nonostante una completezza scenica annichilente. Parlano gli sguardi o le immagini nel suo cinema, ove donne disperate come la protagonista tentano, in questo modo, di far capire agli altri il conflitto che le lacera internamente. Una perfezione che gli permette di girare una prima parte di film strepitosa: tutta la “presentazione” della protagonista e dei suoi metodi per incatenare a se, con legami moralmente indissolubili, varie anime perdute conosciute in carcere, contrappuntata da precisi “flashback” e siparietti grotteschi, è, a mio avviso, da antologia del cinema. Dal punto di vista tecnico il regista sfiora la quasi perfezione visual-emotiva: tutte le riprese sono arte figurativa allo stato puro. Impossibile da dimenticare, ad esempio, la carica grottesca di squallore che trasuda dalla lunga sequenza, prima fissa in campo medio e poi obliqua a tagliar via i volti e la dolcezza umana, della scena di sesso casalinga tra il sordido professor Baek (interpretato dall’inappuntabile Choi “Dae-su” Min sik) e sua moglie, veloce pratica forzosa da disbrigare mentre si parla del più e del meno, per poi tornare a mangiare come nulla fosse…La lunga parte finale, dopo lo sviluppo degli intrecci fra i protagonisti della parte centrale (leggermente più convenzionale, ma di un convenzionale “à la Park Chan Wook”), ci conduce ancor più giù nei meandri delle pulsioni emotive dell’apparentemente algida Geum-ja e ad una riflessione forte sugli abissi umani e sul significato di colpa e di vendetta (e della difficile redenzione), in maniera diretta e senza sconti. La baroccheggiante  colonna sonora, infine, sempre puntuale nel contrappuntare le immagini, unitamente ai precisi in­serti digitali,  volti ad amplificare i cromatismi forti della stupenda fotografia, contribuiscono ulteriormente ad accrescere la godibilità di un grande film.   

Sulla trama

Dolente.

Su Chan-wook Park

Ottima.

Su Lee Yeong-ae

Tormentata.

Su Choi Min-sik

Bieco.

Su Kim Shi-hoo

Innocente.

Su Lee Seung-Shin

Complice.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati