Espandi menu
cerca
Le rose del deserto

Regia di Mario Monicelli vedi scheda film

Recensioni

L'autore

tafo

tafo

Iscritto dal 26 febbraio 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 25
  • Post 1
  • Recensioni 414
  • Playlist 1
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Le rose del deserto

di tafo
6 stelle

L'Italia è un paese per vecchi. L'Italia è un paese per vecchi non sempre. Nel cinema per esempio questa regola sembra fallire. Risi, Comencini e anche Monicelli quanti film hanno fatto negli ultimi anni di vità? Pochissimi, forse perchè questi registi avevano già dato i loro capolavori (vero) forse per ragioni anagrafiche (possibile) o forse perchè l'Italia alla voce cinema-commedia è un paese per giovani che hanno poco o nulla da dire e lo dicono pure male.
Quello che mi mancherà di Monicelli sono i suoi interventi polemici dove riusciva a dire quello che siamo e che non abbiamo il coraggio di dirci, anti-Italiano come Leopardi, Dante e Pasolini che critica il proprio paese perchè lo ama.
Gli italiani sono così, pressapochisti,disorganizzati,servi dell'uomo forte durante il ventenio e oggi, che mandano i pacchi per i soldati in Russia a quelli in Libia e viceversa, male armati e che non esitano a sfruttare la croce rossa per salvare la pelle. Ignoranti del mondo che li circonda senza esserne consapevoli, cattolici più per convenienza che per convinzione, ossessionati dal sesso anche se in fondo mammoni e infantili. Eppure alla fine generosi, capaci di cedere il proprio rancio ad un bambino affamato, umani quando c'è da permettere alla donna di un soldato morto di poter avere la pensione di guerra, quando c'è insomma da violare la legge per una causa giusta, capaci di uscire di scena con uno scatto d'orgoglio come Gassman e Sordi e come hai fatto tu, perchè come diceva Gaber io non mi sento italiano ma per fortuna lo sono.

Su Mario Monicelli

per l'ultima volta senza retorica secca senza fronzoli.

Su Alessandro Haber

nevrotico, pensoso perfetto per il ruolo.

Su Giorgio Pasotti

il toscanaccio sa scegliere anche tra le nuove leve.

Su Michele Placido

se  come regista è altalenante come attore non si discute.

Su Tatti Sanguineti

ormai specializzato nei camei, sembra uscito da una comica muta.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati