Espandi menu
cerca
Intervista

Regia di Federico Fellini vedi scheda film

Recensioni

L'autore

tafo

tafo

Iscritto dal 26 febbraio 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 25
  • Post 1
  • Recensioni 399
  • Playlist 1
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Intervista

di tafo
10 stelle

Un miracolo tecnico. Un meccanismo stratificato dove ognuno è libero di <<recitare>> se stesso. Un film dove i confini tra soggetto, oggetto, finzione e documentario non possono esistere. Un opera che illuminando il proprio lavoro non  può che esaltarne la propria arte restando un episodio unico e inimitabile del nostro cinema. L’architettura dell’opera è su tre piani, il piano del film, il piano dei provini per il film su Kafka e il piano del documentario giapponese sul regista. Fellini mette continuamente in comunicazione i tre piani con quella leggerezza e tocco magico di cui solo il regista riminese era capace. La narrazione procede tra i ricordi del primo contatto con quello che diventerà il suo regno e il lavoro quotidiano dei suoi collaboratori. La differenza tra i sogni esotici di cartapesta e la volgarità pubblicitaria è resa in maniera plastica da una Cinecittà sempre più stretta e assediata. Il nostro decide allora di rifugiarsi dove molto era cominciato celebrando la sua dolce vita insieme al suo alter-ego cinematografico, facendo luce  per l'ultima volta sulla sua diva. Gli anni ottanta sono per Fellini un decennio di nostalgia, contro la televisione e il suo mondo di mostri che si porta dietro e che viene portato nelle nostre case ogni giorno. L’assedio finale dei teledipendenti vale più di molti trattati sociologici sulla deriva della nostra cultura, sull’impatto della volgarità televisiva, soprattutto privata e commerciale, sulla vita pubblica. Quello che ci resta da fare è ammirare la bellezza assoluta di un capolavoro complesso, costruito per essere spiegato e capito con la semplicità delle cose che salveranno il mondo.      

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati