Espandi menu
cerca
Incontri ravvicinati del terzo tipo

Regia di Steven Spielberg vedi scheda film

Recensioni

L'autore

steno79

steno79

Iscritto dal 7 gennaio 2003 Vai al suo profilo
  • Seguaci 209
  • Post 19
  • Recensioni 1344
  • Playlist 106
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Incontri ravvicinati del terzo tipo

di steno79
8 stelle

Più che un film di fantascienza, “Incontri ravvicinati del terzo tipo” è soprattutto una fiaba che anticipa di qualche anno le tematiche di “E.T. l’extraterrestre”, con esseri alieni che alla fine sbarcano sulla Terra e che, anche stavolta disegnati dal tecnico italiano Carlo Rambaldi, risultano creature pacifiche, desiderose di stabilire un patto di cooperazione intergalattico con gli esseri umani. Spielberg ha voluto conferire al film i toni di un’esperienza mistica, dunque strettamente collegata al sentimento religioso, ma anche quelli di un’epopea avventurosa che a tratti fa pensare ugualmente alla saga di Indiana Jones. Uscito in concomitanza con “Guerre stellari” di George Lucas, ebbe un ottimo successo al botteghino, per quanto inferiore rispetto a quello clamoroso del film di Lucas, e risulta forse un filino più datato rispetto all’altro film. Tutta la parte che riguarda i primi, misteriosi avvistamenti delle astronavi e i primi contatti con le entità aliene è risolta in maniera emozionante e con grande eleganza dal punto di vista spettacolare; nella parte centrale, invece, il racconto procede un po’ a fatica, con alcune svolte narrative che non risultano proprio chiarissime, ma si riprende alla grande nel finale, con il contatto diretto fra umani ed alieni che richiede la necessaria “suspension of disbelief”. Tuttavia, rispetto alla genialità di un Hitchcock o di altri grandi autori del cinema americano, si ha l’impressione che Spielberg risulti sempre un po’ troppo calcolato nella sua bravura tecnica, un eterno Peter Pan sempre un po’ troppo ammicante verso i gusti del pubblico mainstream. Meritato l’Oscar alla fotografia di Vilmos Zsigmond, colonna sonora spesso emozionante di John Williams, nel cast si distingue un Richard Dreyfuss che inietta nella parte una robusta dose di entusiasmo giovanile, una Melissa Mathison convincente come madre di un bambino improvvisamente rapito dagli alieni, un François Truffaut a dire il vero leggermente sottotono, a cui Spielberg ha voluto tributare un sentito omaggio, ma che non ha molte occasioni di sfoggiare la sua bravura di interprete. Fantascienza formato famiglia, resta comunque un film ancora piacevole da rivedere, probabilmente fra i più sinceri del suo autore, senz’altro più godibile rispetto alla svolta del “cinema di parola” rappresentata dal suo recente “Lincoln”.
voto 8/10

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati