Espandi menu
cerca
Memorie di un assassino

Regia di Joon-ho Bong vedi scheda film

Recensioni

L'autore

munnyedwards

munnyedwards

Iscritto dal 24 settembre 2015 Vai al suo profilo
  • Seguaci 57
  • Post -
  • Recensioni 213
  • Playlist 1
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Memorie di un assassino

di munnyedwards
8 stelle

 

La normalità è sfuggente come gli occhi impauriti di un sospettato, invisibile come un mostro stupratore e assassino di giovani donne, lo è ancor di piu quando chi dovrebbe vigilare, accecato e limitato dai dettami ottusi del regime, punta il suo sguardo repressivo sempre dalla parte sbagliata, restando cosi costantemente indietro, impotente e inadeguato.

Memories of Murder puo certamente definirsi un thriller anomalo, riprende stilemi e topoi dei classici occidentali ma li rielabora in una rappresentazione personale e originale, miscelando sapientemente elementi diversi spazia tra dramma e ironia, detection e action, senza mai perdere il filo di una matassa che appare fin dal principio rigorosa nella sua essenzialità e chiara nei suoi intenti.

 

 

Corea del Sud, 1986, la provincia di Gyeonggi è diventata il terreno di caccia di un micidiale serial killer, la polizia locale a corto di mezzi e di preparazione appare fin da subito inadeguata e dopo il ritrovamento di alcune vittime arriva da Seul un nuovo agente piu adatto a seguire casi del genere.

Ma nonostante le nuove scoperte il team di indagine resta sempre un passo indietro, concentrati su piste sbagliate e su facili (troppo facili) sospettati mancheranno infine il bersaglio grosso, che resterà inafferabile, protetto dal suo essere ordinario, comune…appunto, normale.  

Nel film di Boon Joon-ho la componente di critica politica è certamente presente, ma l’argomento è trattato con finezza non comune, maggiore spazio viene giustamnte concesso allo sviluppo della trama investigativa ma il regista non si dimentica di inserire la vicenda in un preciso contesto storico, fotografando con acuta precisione uno status politico inadeguato, moralmente corrotto e infine complice della dilagante violenza.

Le scene degli interrogatori ci vengono presentate con una leggerezza “stonata”, quasi in chiave ironica e i poliziotti impegnati risultano persino simpatici nella loro crudele opera di aguzzini, uomini talmente assuefatti ad uno status consolidato (la repressione) che compiono il loro sporco lavoro con assoluta naturalezza, costruendo prove false e generando con la tortura confessioni farlocche...le vittime sono poveri disadattati, ritardati mentali, pervertiti, uomini soli che cercano un po di conforto nelle tristi note di una canzone.

Gli inquirenti puntano tutte le loro fiches sulla diversità e sull’anormale e per questo mancano il loro obiettivo, che invece si nasconde in piena luce, rispettoso dei dettami e della buona creanza, alla fine (ma solo alla fine) uno dei poliziotti capirà di aver sempre guardato dalla parte sbagliata, ma ormai sara troppo tardi.

 

 

Memories of Murder è un film che lascia un segno importante, che conquista con una vicenda thriller decisamente atipica ma in grado di mantenere sempre alta la tensione, allo stesso tempo l’opera di Boon Joon-ho fa riflettere per i messaggi che propone e che lascia poi esplodere con un doppio finale semplicemente grandioso.

Notevole il lavoro di scrittura sui personaggi, in particolare sui due poliziotti incaricati del caso, il violento detective locale (ottima la prova di Song Kang-ho) e il “forestiero” di Seul, che alla fine del viaggio troveranno le loro personalità quasi translate una nell’altra, vittime anche loro di un sistema che li vedeva sconfitti fin dal principio.

La regia di Boon Joon-ho eccelle da un punto di vista tecnico, perfetta nella rappresentazione grottesca e violenta degli interrogatori cosi come nelle sequenze piu concitate ed emotivamente pressanti, il film non presenta cali di ritmo ma anzi si giova di improvvise impennate di adrenalina pura, il finale pessimista sotto una pioggia scrosciante è perfettamente congruo e dona all’opera un sapore agro che lascia il segno.

Voto: 8

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati