Espandi menu
cerca
La voltapagine

Regia di Denis Dercourt vedi scheda film

Recensioni

L'autore

FilmTv Rivista

FilmTv Rivista

Iscritto dal 9 luglio 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 234
  • Post 80
  • Recensioni 6309
  • Playlist 6
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su La voltapagine

di FilmTv Rivista
8 stelle

Figlia di una coppia di macellai che abitano in una piccola cittadina di provincia, Mélanie a dieci anni mostra un grande talento nel suonare il pianoforte. Partecipa così al concorso per entrare al conservatorio, ma fallisce, turbata dall?atteggiamento disinvolto della presidentessa di giuria, una celebre pianista che accetta di firmare un autografo mentre Mélanie si esibisce. Profondamente delusa, la ragazzina abbandona la musica. La ritroviamo anni dopo, cresciuta e in carne, timida ma sicura di sé, single per scelta e attiva nel cercarsi un lavoro che la possa rendere definitivamente indipendente. Trovato il posto di segretaria presso un noto avvocato, Mélanie si fa ben volere per la sua precisione e affidabilità. Doti che in realtà sta sviluppando per inserirsi nella famiglia del suo capo, nella vita marito della pianista che depistò il suo destino. Insomma: La voltapagine è la storia di una vendetta. Una vendetta sociale, sottile, spietata, dilatata, che diviene metafora di rivalsa di classe, senza urla e senza slogan, contrappuntata da un fare concreto, che non può non far pensare a una metafora sulla mediocrità di un oggi spesso lamentoso ma mai in prima linea, mai supportato da una reale voglia e da una ferma determinazione nel ribaltare soprusi, ingiustizie, prevaricazioni. Per dirla tutta, l?esatto contrario di ciò che accade in Mi fido di te di Massimo Venier, dove l?urgenza non è certo quella di farla pagare a chi ti sfrutta o a chi gode di vergognosi privilegi. E il fatto che la dolce ma volitiva Mélanie, una volta raggiunto il suo scopo, se ne vada e non infierisca, è un segno politico chiaro, di civiltà democratica reale: un vero film sessantottino, recitato benissimo dalla veterana Catherine Frot e dall?inedita, imperscrutabile, risoluta Déborah François.

 

Recensione pubblicata su FilmTV numero 7 del 2007

Autore: Aldo Fittante

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati