Espandi menu
cerca
Truman Capote - A sangue freddo

Regia di Bennett Miller vedi scheda film

Recensioni

L'autore

champagne1

champagne1

Iscritto dal 18 gennaio 2012 Vai al suo profilo
  • Seguaci 43
  • Post -
  • Recensioni 907
  • Playlist 5
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Truman Capote - A sangue freddo

di champagne1
7 stelle

All'apice del suo successo, nel 1959 Truman Capote si interessa ad un efferato omicidio (viene sterminata un'intera famiglia per futili motivi nelle campagne del Kansas) e progetta di sciverci su qualcosa che potrebbe creare un nuovo genere letterario: "il romanzo-verità".

 

Per poterlo realizzare egli avrà bisogno però di conoscere non solo gli atti processuali contro i due individui subito arrestati e condannati, ma le loro versioni e le loro emozioni riguardo l'accaduto. Comincia pertanto ad avere con loro colloqui in carcere in un percorso di avvicinamento che avvierà nello scrittore un processo empatico soprattutto nei confronti di uno di loro, Perry, che in un certo senso gli permette di intravedere chi sarebbe stato lui stesso se non avesse intrapreso una vita diversa, avendo egli stesso in comune con quello un'infanzia infelice composta da una madre alcolizzata, un padre assente e lo scherno della gente (per la sua diversità intellettuale e l'effeminatezza dei suoi modi).

 

La grandissima interpretazione di Seymour-Hoffman, capace di replicare gestualità, vezzi e perfino la voce di Capote, ci restituisce il tormento di un grande scrittore moderno, brillante e acuto, quanto in lotta con se stesso. Consente anche di apprezzare valore e ambiguità dell'operazione messa in atto, tra l'ambizione di affermarsi sul piano letterario e il ruolo di confidente-amico che Capote vuole assumere nei confronti degli assassini (a cui però cui nega loro fino all'ultimo la verità sui suoi reading pubblici e le anticipazioni a puntate sui quotidiani riguardo la storia che stava scrivendo "A sangue freddo", e da cui otteneva fama e denaro): per cui se all'inizio egli poteva essere sinceramente interessato al rinvio della esecuzione della pena capitale, successivamente ne auspica l'effettuazione quanto prima.

Di fatto questa vicenda, durata alla fine 6 anni, segna nello scrittore tanti dubbi e incertezze che il libro scaturito risulterà l'ultimo concluso nella sua vita.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati