Espandi menu
cerca
The World of Johanna

Regia di Gerard Damiano vedi scheda film

Recensioni

L'autore

undying

undying

Iscritto dal 10 giugno 2002 Vai al suo profilo
  • Seguaci 48
  • Post 30
  • Recensioni 1213
  • Playlist 32
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su The World of Johanna

di undying
8 stelle

L'arancia meccanica del cinema a luci rosse, con sostituzione del sesso al posto della violenza. E con una protagonista che, come Alex DeLarge, è costretta a subire un trattamento educativo. Al contrario.

 

lf-3

 

L'aristocratico Jason (Jamie Gillis), ad un party incontra l'affascinante Joanna (Terri Hall). Tra i due scatta, immediatamente, una scintilla. Joanna accetta volentieri l'invito al lussuoso castello, venendo sin da subito attratta dai modi signorili di Jason. Entrare da quella porta, per Joanna significa varcare i confini dell'amore. Perchè Jason, dopo averla trascinata in un contesto romantico, repentinamente muta attitudine e, dopo aver fatto sesso, inizia a maltrattarla. Principalmente a parole, poi offrendola a tre amici e alla servitù. Joanna è turbata dalla situazione, al punto che persino durante il sonno fa sogni inquietanti, dove mani di uomini sconosciuti la palpeggiano mentre è sospesa nel vuoto, avvolta dalle tenebre. Nonostante tutto, trae piacere dal contesto e sta coscientemente al sadico gioco, sino all'inattesa conclusione...

 

"Ti prego, Jason...  non torturarmi. Voglio solo farti felice." (Joanna)

 

59c3d5b93ddd7

 

Damiano scrive, produce e dirige una delle sue pellicole più riuscite, che si colloca tra The Devil in miss Jones (1973) e Odissea sessuale (1977), ovvero in un periodo in cui è particolarmente ispirato. È una trilogia drammatica, dove non c'è spazio per il sorriso. Dove a scrivere la parola fine (ma a volte anche la parola inizio) sta una lametta o una pistola. Anche qui infatti è presente un'arma destinata a chiudere la storia. Storia che trae ispirazione dal più celebre romanzo Histoire d'O di Pauline Réage, quello stesso anno (1975) tradotto in film da Just Jaeckin. È una storia di amore e morte, di sensazioni proibite, di passioni estreme, tra sadismo e masochismo. Un film che punta a turbare, più che eccitare, come dimostra l'allucinata scena onirica vissuta dalla protagonista. È, anche e soprattutto, un film che mette assieme gli estremi: amore e morte appunto, ma anche piacere e dolore, gioia e tormento, appagamento e castigo, sacro e profano.

 

JOANNA

 

Damiano sa scrivere, eccome, le sceneggiature. Arriva al dunque con un lungo preambolo (quasi venti minuti) dove spreme gli attori spronandoli a recitare (bravissimi sia Jamie Gillis che Terri Hall). E gira con tecnica, alternando lunghi silenzi a dialoghi intimisti. Ma forse, quello che più affascina di The story of Joanna (titolo originale sui titoli di testa) è la maestosità, scaturita dal profondo accostamento di musica classica a scene di sesso esplicito, spesso girate in senso macroscopico. Quando Joanna arriva al castello, delicatamente accolta dal gentile Jason, le potenti e suggestive note di Chopin (Nocturne in E-Flat major, opera 9 n. 2) ci fanno capire che Damiano sta seriamente prendendo a cuore il film. Che è un hard, ma con qualcosa in più. Di sicuro una marcia in più. Poco dopo, a fare da accompagnamento musicale, tocca a Tommaso Albinoni con Adagio pour cordes et orgue en sol mineur, un brano malinconico, per quanto bello, che accostato alle immagini esplicite enfatizza la sensazione di straniante stato d'animo. Viene, obbligatoriamente, alla mente Kubrick e il suo Arancia meccanica: qui Damiano opera sullo stesso piano, sostituendo la violenza fisica (non mentale) con il sesso. Tutto il film è calato in questo coinvolgente ambiente musicale, riuscendo a trasmettere un senso di morboso e impensabile compiacimento per le immagini che scorrono libere, prive di catene (eccezion fatta per quelle imposte a Joanna), sul magico schermo. 

 

storyofjoanna-hall

 

Locandina

The World of Johanna (1975): Locandina

 

"L’uomo ha un istinto sadico e la donna un istinto masochista, i quali sono incoscienti, dunque incontrollabili." (Sigmund Freud)

 

 

F.P. 02/11/2019 - Versione visionata in lingua inglese (durata: 83'06")

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati