Espandi menu
cerca
Mia nipote... la vergine

Regia di Eberhard Schröder vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Stefano L

Stefano L

Iscritto dal 23 settembre 2011 Vai al suo profilo
  • Seguaci 57
  • Post 1
  • Recensioni 470
  • Playlist 3
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Mia nipote... la vergine

di Stefano L
3 stelle

 

Yvette, una fanciulla dalle priorità deprecabili, vive con la “zia-madre” (no, non è una puntata di “Intralci”). Entrambe, dopo la scomparsa dell’industriale che le finanziava, si ritrovano con il sedere per terra. La soluzione? Adescare il più presto possibile un grullo con i danari, il quale le salvi dall’oblìo; tra dialoghi scemi (con perle del tipo: «visto che non ci credo, posso stringerti?»), un doppiaggio irritante (salta pure l’audio nell’edizione censurata), scavalcamenti di campo assurdi, faccette beote, intermezzi onirici ridicoli e l’esaltazione più becera dello sfarzo e del benessere, si assiste persino ad un breve e disorientante elogio all’uso di stupefacenti, i quali portano via i brutti pensieri: di conseguenza è un peccato rianimarsi dallo stato rincitrullito dell’hashish nel momento in cui si rinsavisce (okay, siamo al termine degli anni ’60, ma il messaggio che lascia il frangente non è il massimo, dato che si tratta di una sostanza lesiva per i cari neuroni)... Orrenda pochade d’accatto, con una Edwige Fenech al suo minimo storico (e nemmeno tanto svestita). Per qualche tetta scoperta c’è di meglio.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati