Espandi menu
cerca
La carica dei 101

Regia di Clyde Geronimi, Hamilton Luske, Wolfgang Reitherman vedi scheda film

Recensioni

L'autore

berkaal

berkaal

Iscritto dal 16 giugno 2011 Vai al suo profilo
  • Seguaci 16
  • Post -
  • Recensioni 104
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su La carica dei 101

di berkaal
9 stelle

Siamo alle solite: quando i mezzi sono limitati (siamo nel 1961 e il film fu fatto in economia), si sopperisce con le idee, il buon gusto, l'eleganza, la sostanza. Il film è un classico: è semplice (inteso in senso positivo), lineare, con personaggi immortali (su tutti Crudelia, diventata un archetipo), un'ottima sceneggiatura, un disegno innovativo (per allora), nessun difetto. In altre parole, è disarmante. Curiosità: non ci sono protagonisti. Gli innamorati, i due cani, i cuccioli ed i cattivi si dividono gli onori della scena senza sopraffarsi. Da un punto di vista economico è stato un "buon" investimento: costato 4 milioni di dollari, ne ha incassati (finora) 215.

Sulla trama

Rudy ha un cane dalmata, Pongo, ed entrambi incontrano l'amore della loro vita, Anita e Peggy. Dopo un po' vengono alla luce quindici cuccioli, che la vecchia compagna di scuola di Anita, Crudelia De Mon, vorrebbe acquistare, ma ottiene però in cambio un rifiuto. Allora Crudelia incarica due criminali scemi, Orazio e Gaspare, di rapire i cuccioli, che vengono portati in un lontano castello dove, insieme a molti altri, sono destinati ad essere trasformati in una pelliccia. A questo punto Pongo e Peggy, aiutati da altri animali, danno inizio alla missione di soccorso....

Sulla regia di Wolfgang Reitherman

La regia è molto buona, in linea con quello che ci si può aspettare da un cartone Disney, senza fronzoli o velleità sperimentali.

Sulla colonna sonora

Opinione molto personale: normalmente le canzoni dei film Disney sono il momento in cui mi cadono.... le braccia, sono spesso insulse, musicalmente di basso livello e spezzano il ritmo della narrazione. Qui invece sono poche, solo tre, e pure belle, in particolare quella dedicata a Crudelia. Un'altra ottima scelta.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati