Espandi menu
cerca
Hipnos

Regia di David Carreras vedi scheda film

Recensioni

L'autore

FilmTv Rivista

FilmTv Rivista

Iscritto dal 9 luglio 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 222
  • Post 80
  • Recensioni 6292
  • Playlist 6
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Hipnos

di FilmTv Rivista
4 stelle

La spagnola Filmax è come una marmotta senza dentoni: cosa può fare al mondo? Peccato che tutti, nei circuiti festivalieri e non, la prendano ancora come fucina salvifica di talenti dell’horror o di buoni prodotti di genere. Neanche fosse la nuova New World. Di buono la Filmax ha finora fatto ben poco. Hipnos è tra i suoi ultimi parti. Ed è uguale a tutto il resto, noioso uguale, fumoso uguale. In questo istituto psichiatrico dove, tanto per cambiare, ne accadono di tutti i colori, mentre l’ingenua protagonista prova sulla propria pelle cosa significa la prigionia e la follia, si tenta un pot-pourri di suggestioni, influenze, omaggi, rimandi. Però ne esce un mattone che non ha né la forza di Il corridoio della paura di Fuller (per carità, non ci pensiamo neanche, eresia, eresia), né la beceraggine exploitation di Striscia ragazza striscia di Schmoeller (che non era ambientato in un manicomio, ma insomma). La Filmax e i registi coinvolti continuano a pensare di inquietare con dei trucchetti visivo-sonori da elementari. I loro prodotti sono l’apoteosi della patinatura, dove tutti hanno lo sguardo torvo, le porte cigolano e le ombre uccidono. È una metafora – ma poi neanche tanto - per dire che questo tipo di horror fa della pedissequa seriosità manualistica l’unica sua ragione d’esistenza. Vorremmo che gli spettatori non ci cascassero.

 

Recensione pubblicata su FilmTV numero 20 del 2005

Autore: Pier Maria Bocchi

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati