Espandi menu
cerca
La caduta. Gli ultimi giorni di Hitler

Regia di Oliver Hirschbiegel vedi scheda film

Recensioni

L'autore

barabbovich

barabbovich

Iscritto dal 10 maggio 2006 Vai al suo profilo
  • Seguaci 74
  • Post 7
  • Recensioni 3037
  • Playlist 4
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su La caduta. Gli ultimi giorni di Hitler

di barabbovich
5 stelle

Chiuso nel suo bunker al centro di Berlino, Adolf Hitler (Ganz) vaneggia nella speranza di sovvertire con un colpo di coda l'esito della guerra. È l'aprile del 1945 e il führer, circondato da un codazzo di accoliti fanatici e appoggiato dal fanatismo mistico di Eva Braun, scatena la sua ira verbale contro i presunti "traditori" del suo sogno nazional-socialista, impreca istericamente, propone grottesche strategie militari. Nel frattempo, fuori dal bunker, Berlino è distrutta e i russi sono ormai alle porte. Al fuhrer e alla sua compagna non rimane che abbandonare la scena nella maniera più plateale che consenta loro di evitare la resa: il suicidio.
Il film ha scatenato - e non soltanto in patria - una montagna di critiche, rivolte soprattutto alla presunta umanizzazione di Hitler. In realtà i limiti, piuttosto vistosi, del film sono altri: la sceneggiatura è di tipo televisivo e la regia assente. Così come è azzardata la scelta di percorrere una strada narrativa parallela, nella quale i bambini diventano i protagonisti del dramma della seconda guerra mondiale, con esiti spesso patetici e piagnucolosi. Insomma, un'occasione sprecata, nonostante il solito, immenso Bruno Ganz.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati