Espandi menu
cerca
Un'altra donna

Regia di Woody Allen vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Baliverna

Baliverna

Iscritto dal 10 luglio 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 90
  • Post 4
  • Recensioni 1809
  • Playlist 26
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Un'altra donna

di Baliverna
10 stelle

Una donna di cinquant'anni compie un doloroso ma proficuo bilancio esistenziale.

Proprio bella questa che è sostanzialmente l'analisi della vita privata di una cinquantenne di successo, la cui esistenza è apparentemente ordinata e standardizzata, ma che in realtà nasconde tante ombre e sofferenze. Allen - qui nei suoi anni migliori - seziona la protagonista e i personaggi di contorno come col bisturi, e ce ne fa vedere il carattere e i sentimenti. In generale, si parte dal ritratto esteriore dove sembra tutto buono e tranquillo, per poi scoprire a poco a poco le colpe, le ipocrisie, gli autoinganni e le meschinità di ciascuno.
Origliando le sedute dallo psicanalista di una sconosciuta, la protagonista compie un parallelo viaggio nella sua vita e nel suo passato: riordina, riconsidera, riflette, capisce. Se prima viveva per forza d'inerzia e, tutta dedita al lavoro, pensava poco alla sua vita e al suo cuore, ella recupera gradualmente il contatto con se stessa, soprattutto ammettendo i propri errori. Non manca uno sguardo più profondo anche su suo marito, il quale, molto più di lei, vive fuori da se stesso indossando una maschera di rispettabilità e di bontà. Tuttavia entrambi sono al loro secondo matrimonio, e non manca loro quindi un passato ingombrante. Ma è lo spettatore stesso a vedere chiaramente nei personaggi, grazie ad una scrittura e ad una recitazione entrambe di alto livello.
La fotografia e opportunamente scura e pastello: colori vivi e ambienti luminosi sarebbero stati in contrasto con la malinconia e la tristezza che presiedono a questo bilancio esistenziale. Va anche detto, tuttavia, che il percorso di presa di coscienza porta i suoi frutti, e un po' di serenità; il film può essere quindi definito moderatamente ottimista.
Allen riprende lo stile di Bergman, è vero, ma lo fa con grande intelligenza e facendolo proprio, sicché non sembra mai una scopiazzatura esteriore. Molto suggestive, a questo proposito, ho trovato le sequenze iniziali dove la macchina da presa passa in rassegna le foto ricordo sui mobili di casa. Ma la scena più bella è quella della ex-moglie che piomba in casa nel bel mezzo di una festa e fa una scenata davanti a tutti, dicendo cose che distruggono in un attimo la maschera di ipocrisia del suo ex-marito.

Il titolo è giocato sul doppio senso dell'altra donna che va dallo psicanalista, e quello dell'altra donna che diventa alla fine la protagonista.
La Rowlands è la solita brava attrice, e anche Gene Hackmann è come sempre ottimo. Ian Holm è un efficace sepolcro imbiancato, ma per me lui resterà sempre l'inquietante robot del primo "Alien". Faccio fatica a scrollarmelo di dosso come era in quel ruolo.
In generale: grande recitazione, grandi dialoghi, grandi regia e fotografia. Di difetti non ne ho visti.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati