Espandi menu
cerca

Trama

Paul Renaud, giovane francese scampato all'inferno della Prima guerra mondiale, ha un enorme peso sulla coscienza: nel corso di una battaglia ha ucciso Walter Holderlin, un suo coetaneo tedesco. Per sfuggire al senso di colpa che lo attanaglia si reca dalla famiglia del defunto sotto falso nome. Verrà accettato come un figlio.

Note

Nella filmografia di Ernst Lubitsch, questo _L'uomo che ho ucciso_ ha un posto molto particolare, perché il regista compie un'incursione nel genere melodrammatico con lacrime e pietismo a volontà. All'epoca piacque molto anche per il soggetto dichiaratamente pacifista. Tratto da _L'homme que j'ai tué_ di Maurice Rostand.

Commenti (1) vedi tutti

Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

jonas di jonas
8 stelle

Dopo la grande guerra un francese va a trovare i genitori del soldato tedesco che ha ucciso in battaglia: vorrebbe chiedere perdono, ma per un equivoco viene creduto un amico del morto, che aveva trascorso due anni a Parigi, e lui non ha il coraggio di dire la verità. Il Lubitsch che proprio non ti aspetti, oltretutto nello stesso anno di Mancia competente: non rinuncia del tutto alle… leggi tutto

5 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

Baliverna di Baliverna
6 stelle

E' un film drammatico sulla terribile realtà della guerra, con la scia di morti e di odio che si trascina dietro. La pellicola mi sembra inoltre meditare sull'assurdità della guerra stessa, che porta uomini estranei, che non hanno nulla di personale l'uno contro l'altro, o peggio che erano amici da civili, ad uccidersi l'un l'altro senza una vera ragione che non sia la ragion di stato. In… leggi tutto

1 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

mm40 di mm40
4 stelle

Parabola esplicitamente contro la guerra che non appartiene al repertorio più classico dell'esperto di commedie Lubitsch, ma che comunque il regista di origine tedesca sa portare a compimento con buon mestiere e conferendo i doverosi toni retorici alla narrazione. Trionfano i buoni sentimenti e non c'è traccia dell'ironia sottile del regista. C'è spazio però -… leggi tutto

1 recensioni negative

2017
2017

Recensione

Brady di Brady
7 stelle

Il film di per se ha uno svolgimento ed una trama ideali, è esattamente quello che ci aspetiamo accada.   Anche l'accettazione, così improvvisa e così tenace fanno un po' parte della profonda volontà umana di riconciliarsi col mondo e con se stessi, di colmare un vuoto troppo importante per rimanere tale. Un cuore nuovo e pulsante per dare nuova vita e linfa a…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti
2016
2016
2015
2015

Recensione

EightAndHalf di EightAndHalf
9 stelle

Il primo Dopoguerra era un filo teso come una corda di violino, costretto da una prima guerra mondiale distruttiva e dal sentore di una seconda guerra. Sulla scia di All Quiet on the Western Front di Lewis Milestone, ma, se vogliamo, anche sull'onda dei Persiani di Eschilo, Lubtisch guarda alla sua vicenda dal punto di vista dei nemici per eccellenza durante la Grande Guerra, i tedeschi, e lo fa…

leggi tutto
2014
2014

Recensione

LorCio di LorCio
7 stelle

Lontani dalla sua filmografia scoppiettante e travolgente, questo film appartiene alla produzione minore del divino Lubitsch ma ancor di più appartiene alla coscienza europea. Con questa categoria voglio considerare quei film che, a cavallo tra le due guerre, cioè tra l’elaborazione del lutto bellico del quattordici-diciotto e l’inconscia premonizione del prossimo…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti

La Grande Guerra

CALVAL di CALVAL

Drammi di guerra, storie di uomini, donne, amori, spie e spionaggio, farse, commedie e parodie nella cornice storica della 1° Guerra Mondiale.

leggi tutto
2013
2013
Trasmesso il 19 luglio 2013 su Rai Movie
Trasmesso il 3 luglio 2013 su Rai Movie
Trasmesso il 4 giugno 2013 su Rai Movie
locandina
Foto
Trasmesso il 17 gennaio 2013 su Rai Movie
2012
2012
Trasmesso il 23 dicembre 2012 su Rai Movie

Recensione

jonas di jonas
8 stelle

Dopo la grande guerra un francese va a trovare i genitori del soldato tedesco che ha ucciso in battaglia: vorrebbe chiedere perdono, ma per un equivoco viene creduto un amico del morto, che aveva trascorso due anni a Parigi, e lui non ha il coraggio di dire la verità. Il Lubitsch che proprio non ti aspetti, oltretutto nello stesso anno di Mancia competente: non rinuncia del tutto alle…

leggi tutto
Recensione
Utile per 9 utenti

Recensione

luisasalvi di luisasalvi
8 stelle

Un film commovente, ma nel senso migliore: fin dall'inizio, la celebrazione  dell'anniversario della fine della guerra in chiesa, con le inquadrature minacciose di armi e divise militari, poi la disperazione di Paul (Holmes), che non riesce  a darsi  pace per aver ucciso in guerra il tedesco Walter; e ne rivediamo gli ultimi momenti, entrambi violinisti e contrari alla guerra, Walter morente…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti

Recensione

Baliverna di Baliverna
6 stelle

E' un film drammatico sulla terribile realtà della guerra, con la scia di morti e di odio che si trascina dietro. La pellicola mi sembra inoltre meditare sull'assurdità della guerra stessa, che porta uomini estranei, che non hanno nulla di personale l'uno contro l'altro, o peggio che erano amici da civili, ad uccidersi l'un l'altro senza una vera ragione che non sia la ragion di stato. In…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti
Trasmesso il 3 luglio 2012 su Rai Movie
Trasmesso il 13 giugno 2012 su Rai Movie
Trasmesso il 4 giugno 2012 su Rai Movie
2011
2011

Recensione

mm40 di mm40
4 stelle

Parabola esplicitamente contro la guerra che non appartiene al repertorio più classico dell'esperto di commedie Lubitsch, ma che comunque il regista di origine tedesca sa portare a compimento con buon mestiere e conferendo i doverosi toni retorici alla narrazione. Trionfano i buoni sentimenti e non c'è traccia dell'ironia sottile del regista. C'è spazio però -…

leggi tutto
Recensione
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito