Trama

Nel pieno della ricostruzione, Osaka è una città a pezzi non solo negli edifici: l'immoralità dilaga, e nei quartieri più poveri si vive tra furti, violenze, prostituzione e guerre fra gang...

Note

Oshima - in un territorio per lui inconsueto, prossimo a quello di Fukasaku - conserva la propria poetica di narratore crudele e claustrofobico.

Commenti (2) vedi tutti

  • Forse sono rimasto deluso perchè mi aspettavo qualcosa di meglio da questo regista. Ho avuto la sensazione che certi "meccanismi" facessero fatica a girare… Il finale è comunque molto bello.

    commento di endimione
  • Voto 7/8 Disperato

    commento di luca826
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

spopola di spopola
8 stelle

Sesso e violenza sono gli elementi essenziali del cinema perché sesso e violenza servono ad aprire le vie dell’inconscio. (…) I miei film hanno spesso proprio il delitto come tema principale; il criminale costretto a perpetrare il proprio delitto giunge a compierlo per piacere o senza conoscere il motivo che lo spinge. Non sono un criminale nella realtà, bensì nei miei film. I delitti si… leggi tutto

4 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

PP di PP
6 stelle

Voto 6. Datato nella sua impostazione didascalica della rappresentazione del profonodo diasgio sociale del Giappone del dopoguerra, è comunque interessante per la ricca e vivace tipologia umana messa a fuoco dinanzi allo spettatore, nonché per note stilistiche molto originali ed inedite per l’epoca. [15.04.2008] leggi tutto

2 recensioni sufficienti

2016
2016
locandina
Foto
2015
2015
2013
2013
Nel mese di marzo questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
2012
2012

Recensione

spopola di spopola
8 stelle

Sesso e violenza sono gli elementi essenziali del cinema perché sesso e violenza servono ad aprire le vie dell’inconscio. (…) I miei film hanno spesso proprio il delitto come tema principale; il criminale costretto a perpetrare il proprio delitto giunge a compierlo per piacere o senza conoscere il motivo che lo spinge. Non sono un criminale nella realtà, bensì nei miei film. I delitti si…

leggi tutto
Recensione
Utile per 20 utenti
2010
2010

Recensione

ed wood di ed wood
6 stelle

Un'occasione sprecata. Nettamente inferiore a "Racconto Crudele della Giovinezza" per colpa di una sceneggiatura troppo intricata e di una regia che, nella prima parte del film, rimane come imbavagliata, costretta a stare addosso affannosamente alle macchinose evoluzioni della narrazione. Poi nella seconda parte c'è spazio per stralci di poesia, ma è troppo tardi per salvare il…

leggi tutto
Recensione
2009
2009

Recensione

bradipo68 di bradipo68
8 stelle

La baraccopoli come microcosmo infernale, simbolo delle difficoltà di lasciarsi alle spalle le macerie della Seconda Guerra Mondiale.Il film di Oshima si situa tra un realismo sgradevole(perchè si parla di cose sgradevoli) e il melodramma lancinante colpendo soprattutto dal punto di vista visivo.E'un film irruento dominato dal rosso del sole,enorme palla di fuoco bassa…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti

Recensione

rebis di rebis
8 stelle

Giappone, primo dopoguerra. Nei bassifondi di Osaka la spregiudicata Hanako commercia sangue umano: la sua ambizione scatenerà una lotta senza quartiere tra bande locali. Il titolo allude al defluire delle energie vitali, all’estinzione della dignità e dell’orgoglio in una società vampirizzata dalla guerra e dagli organi parassitari della malavita. Il racconto,…

leggi tutto
Recensione
2008
2008

Recensione

sasso67 di sasso67
8 stelle

Il terzo film di Oshima è impegnato, intelligente e cattivo; in più conferma, dopo "Racconto crudele della giovinezza" (anch'esso del 1960) il talento del regista più comunista della nouvelle vague giapponese. In una veste grafica che, forse non per caso, privilegia i rossi - quasi a volere accostare Douglas Sirk e Mao - con la presenza preponderante di un sole sempre rosso, come se la…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti

Recensione

PP di PP
6 stelle

Voto 6. Datato nella sua impostazione didascalica della rappresentazione del profonodo diasgio sociale del Giappone del dopoguerra, è comunque interessante per la ricca e vivace tipologia umana messa a fuoco dinanzi allo spettatore, nonché per note stilistiche molto originali ed inedite per l’epoca. [15.04.2008]

leggi tutto
Recensione
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito