Espandi menu
cerca
Halloween. La notte delle streghe

Regia di John Carpenter vedi scheda film

Recensioni

L'autore

Serum

Serum

Iscritto dal 23 ottobre 2018 Vai al suo profilo
  • Seguaci 2
  • Post -
  • Recensioni 186
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Halloween. La notte delle streghe

di Serum
7 stelle

 

Miscelando le riflessioni orrorifiche sull'omicidio seriale di Psyco con la soggettiva di Un natale rosso sangue (e senza perdere di vista i passi avanti fatti dall'horror negli anni '70), Carpenter crea il primo vero slasher. Michael Myers è l'archetipo del serial killer come incarnazione del male puro: alessitimico, anaffettivo, inarrestabile, inammazzabile e con una specie di dono dell'ubiquità che gli permette di spuntare fuori sempre dagli angoli più bui. Gli omicidi che perpetra diventano la rappresentazione del lato maligno di Halloween: festa pagana posta al centro dell'autunno (ovvero la stagione in cui si ha la discesa nell'oscurità verso l'inverno), non più vista come momento di giovialità, ma come un'orgia di sangue e depravazione che non risparmia nessuno. Anche lo schema degli omicidi è archetipico, coi ragazzini infoiati che vengono fatti a fettine uno dopo l'altro, mentre la santarellina se la cava anche nei momenti peggiori: roba ripresa successivamente giusto un paio di volte (sic!). Oltre ad avere un'importanza storica indiscutibile avendo influenzato l'immaginario collettivo per generazioni generando decine e decine di emuli, conserva ancora oggi dei momenti davvero inquietanti (l'introduzione, con la zucca illuminata e la colonna sonora simil Profondo rosso, ha ancora un notevole impatto, come anche Loomis che si affaccia dalla finestra e vede che il corpo di Michael non c'è più). Ma essendo l'aprifila del genere, bisogna dire che ne presenta già anche i difetti più ingombranti: personaggi abbozzati tanto che quando vengono uccisi di loro frega poco o nulla, un assembramento di "superpoteri" dell'assassino un po' ridondante (e sentire uno psichiatra ripetere ossessivamente che il suo paziente sia il male puro, manco fosse uno stregone vudù invece che un medico, oggi appare abbastanza ridicolo) ed una fase preparatoria eccessivamente dilatata. Resta comunque superiore alla gran parte dei cloni che lo hanno seguito.

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati