Espandi menu
cerca
La tela dell'assassino

Regia di Philip Kaufman vedi scheda film

Recensioni

L'autore

boychick

boychick

Iscritto dal 28 gennaio 2016 Vai al suo profilo
  • Seguaci 33
  • Post 31
  • Recensioni 238
  • Playlist 41
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su La tela dell'assassino

di boychick
7 stelle

Interessante thriller con Ashley Judd, Andy Garcia e Samuel L.Jackson. Consigliato!

Interessante thriller con un cast di tutto rispetto: Ashley Judd, Samuel L.Jackson e Andy Garcia. Film che avevo già visto anni fa (la pellicola, infatti, è del 2004) e che ho riguardato con piacere.

Sicuramente ciò che non manca nel film è il mistero. Lo spettatore, durante la pellicola, si pone delle domande, cerca di capire chi sia il colpevole... un vero e proprio giallo. In questo senso, “La tela dell'assassino” ha colpito nel segno, e ha raggiunto il suo scopo: attirare l'attenzione degli spettatori e creare quell'atmosfera di giallo, di intrigo, per tutta la durata del film.

Inoltre, soprattutto nel finale, sono presenti diversi colpi di scena uno dietro l'altro, che fanno credere/ricredere lo spettatore di scena in scena. Sembra quasi un gioco per lo spettatore (ed in questo senso è stato un bellissimo film), il quale prova a capire chi sia il colpevole, prova ad uscire dalla “tela” di mistero nella quale è stato avvolto dalla pellicola. Purtroppo mi ricordavo come finiva il film e non so dire se quando l'ho visto anni fa avevo capito chi fosse il colpevole... però una cosa è sicura: quattro/cinque persone che lo spettatore tiene sotto osservazione ci sono, e hanno tutti tratti emblematici: ci sono i misteriosi Mike Delmarco (interpretato da Andy Garcia) e commissario John Mills (interpretato da Samuel L.Jackson); c'è lo psicologo anch'esso alquanto misterioso che sembra conoscere tutto di tutti; c'è Jimmy (Mark Pellegrino) un ragazzo innamorato di Jessica; e, infine, c'è lei... Jessica Shepard (interpretata da un'ottima Ashley Judd)... che non ha del tutto superato il misterioso omicidio/suicidio dei suoi genitori.

Ashley Judd, che avevo molto apprezzato nel film “Colpevole di innocenza” (pellicola del 1999 con il grande Tommy Lee Jones) e in Heat – la sfida (film nel quale rappresentava la moglie di Chris). Molto buona la sua interpretazione, tenuto soprattutto conto del fatto che le spettava un ruolo sicuramente non facile.

 

 

Altrettanto buona è stata l'interpretazione di Samuel L.Jackson. Uno dei miei attori preferiti che evito di commentare in quanto riconosco di non essere obiettivo (per me sono sempre buone le sue recitazioni). Dico solo che è proprio perfetto per ruoli come quello interpretato in questa pellicola. Misterioso, severo, intransigente, cinico. Davvero complimenti!

Parlando di Samuel L.Jackson, colgo l'occasione di ricordare altri suoi thriller che mi sono piaciuti veramente tanto: “La terrazza sul lago”, “Incontro con il male”, “Un ragionevole dubbio”, “1408”, “Ipotesi di reato”. Ne consiglio la loro visione agli amanti del genere thriller.

 

 

Dei tre grandi interpreti di questa pellicola, quello che mi è piaciuto meno è Andy Garcia. Almeno a mio avviso, non è riuscito a trasmettermi quel mistero, quella sua ambiguità che la regia voleva che avesse. Soprattutto nelle scene finali non è riuscito a trasmettermi ciò. Recitazione mediocre, fredda, quasi distaccata la sua.

Non mi ha proprio convinto.

 

 

Per il resto è una pellicola che si guarda con piacere, che non annoia... consigliata soprattutto agli amanti del genere thriller, dei polizieschi, dei legal-thriller e dei gialli. A chi non piacciono questi generi, ne sconsiglio la visione, poiché potrebbero trovare la pellicola banale, noiosa, irrealistica. Va detto però, ed è una delle cose che ho apprezzato, che (nonostante qualche forzatura) il film non mette in mostra scene troppo surreali, non ci sono scene di azione o inseguimenti irrealistici (non è assolutamente un film d'azione)... insomma, cerca di stare con i piedi per terra ed essere, per quanto possibile, un film che si attiene alla realtà.

Molto buona la colonna sonora (già la sigla iniziale ci fa precipitare in un'atmosfera di mistero e di dubbio) e le varie musiche di sottofondo.

Perciò, non posso che consigliare la visione di questo film.

Voto. 7

 

 

A tutti auguro un buon proseguimento e un buon cinema!

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati