Espandi menu
cerca
Plata quemada

Regia di Marcelo Piñeyro vedi scheda film

Recensioni

L'autore

kubritch

kubritch

Iscritto dal 2 agosto 2002 Vai al suo profilo
  • Seguaci 41
  • Post 8
  • Recensioni 551
  • Playlist 23
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Plata quemada

di kubritch
6 stelle

Non mi ha convinto. Il film è denso di nobili riferimenti cinematografici, soprattutto dal polar e anche del cinema italiano, ma la costruzione è artificiosa diventa pesante da seguire. Inoltre è disonesto affrontare il discorso dell'omosessualità preoccupandosi di non urtare la suscettibilità del pubblico. Se si giustifica la mancanza di scene di rapporti omosessuali, eccetto blande effusioni, con la ragione che si sta rappresentando un'epoca di profonda repressione sessuale, non doveva mostrarci nemmeno le scene di sesso sfrenato etero ben in vista. Altrimenti si conferma l'idea di una immobilità morale. Eppure al tempo i due protagonisti devono aver pure scopato. Così non si capisce neanche dove vuole andare a parare questo film. Cos'è? Una lettura cristiano-pietistica della condizione omosessuale che giustifica un prevedibile epilogo tragico? I nudi fatti saranno pure reali ma il loro sviluppo narrativo è un ricamo dell'artista; è un parto della sua, o della loro, fantasia. Quindi secondo me, avrebbero dovuto, sì, rappresentare questa crisi esistenziale ma, anche in previsione del finale, aggirare possibili letture cupamente moralistiche. Non ci siamo proprio. Vista da questa prospettiva risulta solo un'opera pretestuosa, al quanto furba e intellettualistica. Il cinema è vedere, non chiacchiere. E il cinema buono porta lla vista ciò che è invisibile. Il sesso etero lo vediamo anche nelle soap opera all'ora di pranzo. A parte il fatto che se voglio vedere sesso mi vedo un film porno. Al cinema chiedo eros. Come vedo la passione eterosessuale così giustamente pretendo di vedere esplodere la passione omosessuale - da non confondere con l'atto sessuale. Ma parlo di composizione artistica per immagini che mi restituisca l'autenticità di una realtà. -  almeno in un film che parla di omosessualità. Non è una questione marginale. Lo è solo per i borghesi cresciuti in seno ad una cultura sessuofobica. La vita è carne ed eros.

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati